Voucher baby-sitter riforma del lavoro

di Stefania Russo Commenta

Tra le novità previste dal testo della riforma del lavoro, che verrà esaminato dalla Camere nel corso dei prossimi mesi...

Tra le novità previste dal testo della riforma del lavoro, che verrà esaminato dalle Camere nel corso dei prossimi mesi, figura anche la concessione di un contributo in denaro, sotto forma di voucher, a favore delle madri con figli neonati e che potrà essere utilizzato per il pagamento della baby-sitter.

VOUCHER ASILO NIDO PER GENITORI OCCUPATI

La concessione di tale contributo è però subordinata ad alcune condizioni. Per poterne beneficiare è infatti necessario essere lavoratrici dipendenti e aver già terminato il congedo di maternità obbligatorio, inoltre è necessario che entrambi i genitori rinuncino al congedo parentale facoltativo, che consente di astenersi dal lavoro per ben 11 mesi percependo però solo il 30% dello stipendio.

COME RICHIEDERE GLI ASSEGNI FAMILIARI 2012

Tale buono, qualora sussistano le condizioni previste, verrà erogato per un periodo di 11 mesi. Il suo importo , tuttavia, non è determinato in misura fissa ma dipenderà dal reddito del soggetto beneficiario, che verrà calcolato secondo i parametri Isee.

Non è detto, tuttavia, che qualora ricorrano le condizioni previste il voucher venga erogato, dal momento che le risorse stanziate al tal fine sono limitate. Secondo quanto previsto dal disegno di legge, infatti, le risorse destinate a finanziare i voucher a favore delle madri lavoratrici verranno prelevate dal fondo istituito dal Decreto Salva-Italia e destinato a favorire l’occupazione dei giovani e delle donne. Tale fondo, ricordiamo, per il 2012 avrà un ammontare pari a 200 milioni di euro, tuttavia solo una parte di questi soldi verranno utilizzati per i voucher destinati alle madri lavoratrici, dal momento che sempre facendo ricorso a tale fondo dovranno essere finanziate anche altre iniziative.

Rispondi