Sospensione visite mediche Inps per lavoratori privati

di Stefania Russo Commenta

I lavoratori dipendenti del settore privato d'ora in avanti, e fino a data da destinarsi, in caso di malattia riceveranno...

malattia

I lavoratori dipendenti del settore privato d’ora in avanti, e fino a data da destinarsi, in caso di malattia riceveranno la visita medica fiscale solo se questa verrà richiesta dal loro datore di lavoro.

L’istituto di previdenza sociale ha infatti bloccato le visite mediche fiscali disposte d’ufficio, ossia quelle d’iniziativa dell’Inps e non del datore di lavoro. La decisione rientra nell’ambito delle misure finalizzate al taglio dei costi e alla realizzazione di un risparmio da 500 milioni di euro l’anno, sulla base di quanto previsto dalla spending review.


Al riguardo, in particolare, il dipartimento della Funzione Pubblica ha emesso una nota attraverso la quale ha precisato che il provvedimento adottato dall’Inps riguarda solo le visite disposte d’ufficio e non anche quelle richieste dai datori di lavoro, i cui oneri sono a loro carico. Tale precisazione è quindi volta a sottolineare la non applicabilità del provvedimento di sospensione delle visite mediche fiscali anche ai lavoratori del settore pubblico.

Le visite di controllo per il settore del lavoro pubblico sono infatti disciplinate da una norma che prevede sempre visite a richiesta della pubblica amministrazione. In altre parole, per i lavoratori del settore pubblico non sono previste le visite fiscali cosiddette d’ufficio, per cui il provvedimento di cui sopra non è applicabile.

Le pubbliche amministrazioni, ha ricordato la nota, possono chiedere le visite di controllo, tramite invio telematico della richiesta, alle aziende sanitarie locali o all’Inps pagando il corrispettivo fatturato per ciascuna visita. Pertanto tale settore non risulta interessato da alcuna novità.

Rispondi