Scadenze contributi Inps per i lavoratori domestici

di Filadelfo Scamporrino Commenta

I datori di lavoro che hanno assunto collaboratori domestici, ogni tre mesi hanno l’obbligo di pagare i contributi all’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale. Proprio oggi, lunedì 10 ottobre 2011, è l’ultimo giorno utile per mettersi in regola.

I datori di lavoro che hanno assunto collaboratori domestici, ogni tre mesi hanno l’obbligo di pagare i contributi all’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale. Proprio oggi, lunedì 10 ottobre 2011, è l’ultimo giorno utile per mettersi in regola in merito, ed in particolare per quel che riguarda il versamento del terzo trimestre 2011 dei contributi Inps per i lavoratori domestici che, lo ricordiamo, possono essere remunerati con i buoni lavoro, detti anche voucher, solo ed esclusivamente nel caso in cui la collaborazione sia non solo occasionale, ma anche temporanea e di breve durata.

I datori di lavoro, interessati alla scadenza odierna dei contributi dei lavoratori domestici validi per il terzo trimestre del 2011, hanno già ricevuto al proprio domicilio i bollettini, inviati proprio dall’Inps. Per chi non avesse ancora pagato ha quindi poche ore per farlo attraverso numerosi canali sia sul territorio, sia online.



CALCOLO TREDICESIMA COLF O BADANTE

Nel dettaglio, se il datore di lavoro è in possesso del codice PIN, può pagare online con carta di credito direttamente dal sito Internet dell’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale, www.inps.it. Oppure si può chiamare il numero verde gratuito del contact center integrato dell’Inps.

PERIODO DI PROVA COLF E BADANTI

Oppure ancora il bollettino si può pagare recandosi presso gli sportelli bancari di Unicredit, o in alternativa, se si ha la Banca Multicanale, sempre via Unicredit attraverso la Banca online. Sul territorio ci sono anche le tabaccherie convenzionate dove si possono versare i contributi per i lavoratori domestici; sono quelle che, in particolare, sono riconoscibili dalla presenza in vetrina del logo “Servizi Inps“.

Rispondi