Sanzioni violazioni obbligo riposo settimanale

di Stefania Russo Commenta

La normativa attuale prevede che ciascun lavoratore debba aver diritto ad un giorno di riposo ogni sette giorni, oppure...

La normativa attuale prevede che ciascun lavoratore debba aver diritto ad un giorno di riposo ogni sette giorni, oppure a due giorni di riposo ogni 14 giorni in alcuni casi particolari.

In caso di violazione dell’obbligo di riposo settimanale il datore di lavoro incorre in un sanzione amministrativa da 100 a 750 euro. Tale sanzione va da 400 a 1.500 euro se la violazione si riferisce a più di 5 lavoratori o se la violazione si è verificata in almeno tre periodi di riferimento e da 1.000 a 5.000 euro se la violazione si riferisce a più di 10 lavoratori o si è verificata in almeno cinque periodi di riferimento.


Per poter accertare la violazione da parte dell’azienda dell’obbligo di concedere ai propri dipendenti un giorno di riposo ogni sette giorni, gli ispettori dovranno anzitutto verificare quale sia il periodo di riferimento dell’azienda stessa. La legge prevede che tale periodo sia di quattro mesi, tuttavia può essere elevato a sei o a dodici mesi in virtù di apposite previsioni della contrattazione collettiva nazionale.

Una volta individuato tale periodo di riferimento, qualora dovessero essere riscontrate al suo interno una o più violazioni, si provvederà ad irrogare la sanzione prevista a seconda del caso specifico. Qualora dovessero essere rilevate più violazioni nell’ambito dello stesso periodo, la sanzione sarà comminata un’unica volta.

Rispondi