Retribuzioni in aumento nel 2010, lo rileva l’Istat

di Stefania Russo Commenta

Secondo le rilevazioni dell'Istat nel corso del 2010 le retribuzioni hanno registrato un incremento del 2,2%, in frenata rispetto all'incremento..

Secondo le rilevazioni dell’Istat nel corso del 2010 le retribuzioni hanno registrato un incremento del 2,2%, in frenata rispetto all’incremento del 3% registrato nel 2009. Se si considera solo il mese di dicembre l’incremento è stato dello 0,1% rispetto al mese precedente e dell’1,7% rispetto allo stesso mese del 2009.

L’Istat ha anche precisato che il tasso di inflazione medio annuo nel 2010 è stato pari all’1,5%, per cui l’incremento delle retribuzioni è stato superiore rispetto a quello dei prezzi al consumo. Per quanto riguarda dicembre, invece, il tasso di inflazione annuo è stato pari all’1,9%, quindi l’incremento delle retribuzioni è stato inferiore a quello dei prezzi al consumo.


Al 31 dicembre 2010 i contratti collettivi nazionali di lavoro relativi alla sola parte economica interessavano il 62,8% degli occupati dipendenti, a cui corrisponde una quota del 59,8% del monte retributivo oggetto dell’analisi.

Alla fine del 2010, inoltre, risultavano in attesa di rinnovo 41 contratti nazionali, per un totale di 4,9 milioni di dipendenti. Per contro, invece, risultavano in vigore 37 accordi relativi a circa 8,2 milioni di dipendenti, per un monte retributivo pari al 59,8%.

A dicembre nessun contratto è scaduto ma sono stati siglati accordi relativi al settore del vetro, della ceramica, delle banche centrali, delle autorimesse e dell’autonoleggio.

Rispondi