Regolarizzazione lavoratori stranieri 2012

di Stefania Russo Commenta

In base a quanto previsto dal Decreto legislativo 109/2012, a partire dal 15 settembre 2012 i datori di lavoro potranno...

In base a quanto previsto dal Decreto legislativo 109/2012, a partire dal 15 settembre 2012 i datori di lavoro potranno regolarizzare i lavoratori stranieri privi di permesso di soggiorno di lunga durata mediante una semplice dichiarazione di emersione e previo pagamento di un contributo forfettario di 1.000 euro per ciascun lavoratore, non deducibile in sede di dichiarazione dei redditi.

La regolarizzazione può essere effettuata ad opera di datori di lavoro italiani, cittadini di uno Stato membro dell’Unione europea o stranieri in possesso del titolo di soggiorno di lungo periodo e che alla data del 9 agosto 2012, occupano irregolarmente, da almeno tre mesi, lavoratori stranieri presenti nel territorio nazionale in modo ininterrotto dalla data del 31 dicembre 2011 o da altra data precedente a questa.


La dichiarazione di emersione non può essere effettuata per i lavoratori domestici, inoltre non può essere effettuata nel caso il cui il datore di lavoro sia stato condannato negli ultimi cinque anni per reati riguardanti l’occupazione illegale di stranieri o lo sfruttamento dei lavoratori, così come pure non può essere effettuata da parte di datori di lavoro che in passato hanno avviato procedure finalizzate alla regolarizzazione di lavoratori stranieri o hanno fatto richiesta di assunzione dall’estero di cittadini stranieri senza però concludere la pratica in quanto non hanno successivamente provveduto alla sottoscrizione del contratto di soggiorno o all’assunzione del lavoratore straniero.

Ancora, non è possibile procedere alla regolarizzazone dei lavoratori stranieri mediante domanda di emersione nel caso in cui questi siano stati espulsi per motivi di ordine pubblico, di sicurezza, di prevenzione del terrorismo oppure nel caso in cui il lavoratore sia stato condannato per uno dei reati per i quali è previsto l’arresto obbligatorio in fragranza.

A fronte della richiesta di regolarizzazione del lavoratore straniero, il datore di lavoro dovrà pagare, oltre al contributo forfettario di 1.000 euro, anche le sanzioni previste per gli illeciti amministrativi e la somma necessaria per la regolarizzare della posizione retributiva, contributiva e fiscale del lavoratore per un periodo non inferiore ai sei mesi.

Rispondi