Prorogata autocertificazione valutazione rischi lavoro

di Vito Verna Commenta

Vi sarà tempo sino a lunedì 31 dicembre 2012 per presentare l'autocertificazione relativa alla valutazione dei rischi sul lavoro in merito alla ben più ampia, e fondamentale, tematica della sicurezza sul posto di lavoro.

Prorogata autocertificazione valutazione rischi lavoro

Vi sarà tempo sino a lunedì 31 dicembre 2012, in virtù delle disposizioni che, sul delicato argomento, avrebbe imposto il Decreto Legge n. 57/2012, per presentare l’autocertificazione relativa alla valutazione dei rischi sul lavoro in merito alla ben più ampia, e fondamentale, tematica della sicurezza sul posto di lavoro.

DIFFERENZA TRA INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE

Il su indicato provvedimento, integrando il Decreto legislativo 81/2008 e colmando il vuoto normativo sulla questione oggi alla nostra attenzione, si rivolgerebbe, in particolar modo, alle Piccole e Medie Imprese sino a 10 dipendenti ed alle aziende attive nel settore dei trasporti che, sino ad oggi, sarebbero sempre sfuggite alla ben precisa, ed oltre modo chiara, necessità che il rischio sul luogo di lavoro venga adeguatamente valutato e, qualora ve ne siano gli estremi, adeguatamente fronteggiato e, di conseguenza, ridotto il più possibile sino a renderlo, nel migliore dei casi, pressoché pari a zero.

RESPONSABILITÀ DEL DIRETTORE IN CASO DI INFORTUNIO DEL LAVORATORE

Grazie, però, alla succitata proroga, che avrebbe spostato a fine anno l’obbligatorietà per le su indicate microimprese, nonché, naturalmente, per le aziende attive nel settore dei trasporti, di mettersi alla pari con tutte le imprese, le industrie e le aziende attualmente attive in Italia, il Governo Monti, evitando che si creassero situazioni di potenziale incompatibilità tra le attuali normative e gli attuali standard tecnici di esercizio, avrebbe fatto in modo che le quotidiane attività dei soggetti interessati dal provvedimento non subissero improvvise ed inaspettate interruzioni.

RESPONSABILITÀ RSPP IN CASO DI INFORTUNIO SUL LAVORO

Rispondi