Permesso per donazione sangue

di Giuseppe Aymerich 6

Nel nostro Paese, purtroppo, cliniche e ospedali sono in cronica carenza di sangue per le trasfusioni..

Nel nostro Paese, purtroppo, cliniche e ospedali sono in cronica carenza di sangue per le trasfusioni, nonostante gli sforzi promozionali e operativi dei tanti volontari aderenti all’AVIS.

Anche il legislatore ha cercato di favorire il ricorso alle donazioni (rapide e sicure) stabilendo il diritto ad un permesso di ventiquattro ore a favore di tutti i lavoratori dipendenti. In altre parole, il donante ha diritto (previo avviso) a non presentarsi sul posto di lavoro per l’intera giornata in cui si svolge il prelievo, sia che sia destinato alla trasfusione, sia che serva per la produzione dei cosiddetti emo-derivati.


La legge stabilisce che i datori di lavoro sono tenuti a corrispondere comunque la normale retribuzione al dipendente, che verrà poi risarcita dall’INPS. Inoltre, il giorno di permesso verrà computato a tutti gli effetti per il calcolo del TFR e dell’anzianità lavorativa.

Per vantare questo diritto, è però stabilito che il centro di raccolta emetta un certificato che attesti l’avvenuta donazione. È inoltre richiesto che la quantità donata di plasma sia pari almeno a 250 grammi.


È poi prevista una regola particolare nell’ipotesi che, per qualunque motivo, il prelievo del sangue alla fine non si è potuto svolgere oppure è stato eseguito per una soglia quantitativa minore di quella indicata: in questo caso, il centro di raccolta attesta l’accaduto e il permesso concesso al lavoratore coincide con il tempo strettamente necessario per compiere queste procedure.

Regole analoghe, ma con permessi di durata superiore, sono infine previste per la cessione del midollo osseo, il cui impegno fisico per il donante è molto più elevato.

Commenti (6)

  1. L’azienda ha quindi diritto di chiedere che sul certificato sia riportata la quantità di plasma donata o che essa è almeno pari a 250 grammi?
    Grazie.

  2. quindi se io lavoro dalle ore 8 alle ore 12
    poi vado a fare una donazione e torno il giorno dopo a lavorare avro’ la stessa retribuzione di chi lavora tutto il giorno per otto ore?
    grazie

  3. o meglio se io la mattina non mi presento al lavoro vado ad effettuare una donazione alle ore 12 avro’ la retribuzione assicurata per tutte le otto ore?
    grazie

  4. Salve io ho un contratto a progetto e non sò come regolarmi per effettuare la donazione di sangue.Pur avendo questo diciamo contratto sono tutelato ad assentarmi e rilasciare poi al mio datore il certificato della donazione oppure il contratto a progetto non provede questo tipo di gesto solidale e civico?

  5. Salve ,volevo sapere,se facendo regolare richiesta anticipata di 5 giorni alla mia azienda per donazione sangue (prima donazione) ,la stessa puo rifiutarmi il permesso per mancanza di personale?Preciso ,che la donazione viene fatta non da organizzazioni ,ma in un paese da l’ospedale “Il Bambino Gesù”.Grazie

  6. le donazioni di plasma si possono fare piu` spesso di quelle di sangue (ogni mese); in questo caso si ha diritto al permesso retribuito per tutte le potenziali 12 volte all’anno o in questo e` posto un limite a 4 volte l’anno (come per le donazioni di sangue intero)?

Rispondi