Permessi per i disabili con contratto part-time

di Stefania Russo Commenta

Con la circolare Inps 100/2012 sono stati forniti alcuni chiarimenti in tema di permessi ai lavoratori disabili assunti con contratto part-time...

Con la circolare Inps 100/2012 sono stati forniti alcuni chiarimenti in tema di permessi ai lavoratori disabili assunti con contratto part-time. La circolare sottolinea anzitutto che al lavoratore dipendente disabile la legge riconosce la possibilità di usufruire di due ore al giorno di permessi retribuiti o di tre giorni al mese.

Nel caso specifico del part-time occorre distinguere a seconda della distribuzione della prestazione lavorativa nel corso dell’anno, del mese o della settimana.


Pertanto, in caso di part-time verticale che prevede l’espletamento della prestazione lavorativa soltanto in alcuni mesi dell’anno, il lavoratore potrà usufruire dei permessi previsti dalla legge in misura integrale ma limitatamente ai mesi in cui svolgerà la sua attività lavorativa, mentre in caso di part-time verticale con espletamento della prestazione lavorativa limitatamente ad alcuni giorni della settimana o ad alcune settimane del mese sarà necessario ridurre il numero di ore di permesso previste in maniera proporzionale rispetto allo svolgimento della prestazione lavorativa.

In caso di part-time orizzontale, invece, per i contratti con orario di lavoro fino a 6 ore giornaliere è possibile scegliere tra un’ora di permesso al giorno; tre giorni di permesso al mese; permessi orari su base mensile, riproporzionati in base alla percentuale di attività lavorativa prestata. Per contratti di lavoro part-time che superano le 6 ore giornaliere è invece possibile scegliere tra due ore di permessi giornalieri; tre giorni di permesso mensile oppure permessi orari mensili riproporzionati in base alla percentuale di attività lavorativa prestata.

Rispondi