Novità comunicazioni telematiche obbligatorie per le assunzioni

di Stefania Russo Commenta

A partire dalle ore 19,00 del 10 gennaio 2013 entreranno in vigore le modifiche apportate alle norme che disciplinano le comunicazioni...

A partire dalle ore 19:00 del 10 gennaio 2013 entreranno in vigore le modifiche apportate alle norme che disciplinano le comunicazioni telematiche obbligatorie dei rapporti di lavoro, sulla base di quanto stabilito dal decreto direttoriale n. 235/2012 con gli aggiornamenti standard delle Co alle novità della legge n. 35/2012 (conversione del decreto legge semplificazioni) e n. 92/2012 (riforma del lavoro).

Tra le novità riguardanti le cosiddette “Co” figura quella che interessa il contratto di apprendistato. In particolare, in questo caso la novità fa riferimento dell’entrata in vigore del dlgs n. 167/2011 e della legge n. 92/2012, che ricordiamo ha qualificato l’apprendistato come un rapporto di lavoro a tempo indeterminato, con conseguente necessità di indicare la fine del periodo formativo.


Pertanto, nell’ambito delle Co, tale modifica ha comportato l’inserimento all’interno dei moduli di un campo specifico denominato “data fine periodo formativo” in cui si deve indicare la data in cui termina il periodo formativo. Inoltre, nella tabella «Co_trasformazioneRL» è stata aggiunta la dicitura “fine periodo formativo“, che deve essere utilizzata soltanto in caso di termine anticipato del periodo formativo.

Altra novità riguarda il settore agricolo, in particolare è stata inserita all’interno del modulo UniLav la possibilità di fare un’unica comunicazione in caso di assunzione contestuale di due o più operai agricoli a tempo determinato da parte del medesimo datore di lavoro.

E’ stato inoltre introdotto l’obbligo di comunicazione in caso di prosecuzione dei rapporti di lavoro a tempo determinato, mentre nel caso dei rapporti di somministrazione sono state apportate delle modifiche al modello «Uni-somm» per consentire una migliore gestione delle informazioni inserite e per recepire tutte le novità normative riguardanti tale tipologia di rapporto di lavoro.

Rispondi