Maternità anticipata

di Giuseppe Aymerich 13

La nostra legge, come tutti sanno, impone alle lavoratrici-madri il diritto-dovere di astenersi da qualsiasi prestazione lavorativa per..

diventare madre

La nostra legge, come tutti sanno, impone alle lavoratrici-madri il diritto-dovere di astenersi da qualsiasi prestazione lavorativa per cinque mesi: ordinariamente si tratta dei due mesi precedenti alla data presunta del parto e i tre successivi (ma esistono delle possibilità di elasticizzare tale periodo).


Qualora però la gravidanza fosse a rischio oppure le condizioni del luogo di lavoro non fossero adeguate allo stato di dolce attesa, o, ancora, non lo fosse la particolare mansione assegnata e non ci fossero le condizioni per attribuirgliene un’altra, è possibile chiedere che venga riconosciuta la maternità anticipata: in pratica, si tratta di richiedere l’astensione obbligatoria dal lavoro dal momento in cui è accolta la richiesta (entro sette giorni dalla data della presentazione della domanda) fino al terzo mese dopo il parto, e se un certificato medico attesta i continuati problemi di salute e sicurezza della madre, si può estendere tale periodo fino a sette mesi dopo il parto. Il tutto, va specificato, senza che si abbiano riduzioni dello stipendio corrisposto nel frattempo alla donna.


La domanda va compilata e presentata all’Ispettorato del Lavoro: dalla stessa lavoratrice, oppure in sostituzione dal suo datore in specifici casi. Alla domanda va corredato un certificato medico di uno specialista della ASL che attesti l’esistenza delle condizioni di rischio rivendicate nella domanda: questo significa che un’attestazione analoga da parte del ginecologo privato di fiducia non ha lo stesso valore.

Il certificato deve contenere una serie di informazioni: dalla data presunta del parto ai rischi per la salute della madre e/o del bambino.
La Direzione Provinciale del Lavoro, sentito il parere del Servizio Sanitario Nazionale, disporrà così le condizioni e la durata dell’astensione obbligatoria dal lavoro.

Commenti (13)

  1. dopo quanto tempo dalla domanda di maternita’a rischio si percepisce lo stipendio?

  2. salve, ho un contratto che cessa il 3 febbraio e sono incinta di 6 settimane, sono un operatore socio-sanitario e quindi la mia cooperativa non può garantirmi un posto non a rischio, volevo sapere se io chiedo la maternità anticipata adesso e loro non mi rinnovano il contratto l’inps paga la maternità oppure mi troverò con un pugno di mosche?
    GRAZIE

  3. ciao laura
    se fai la maternità a rischio, anche se il contratto cessa, l’inps ti pagherà la maternità fino alla fine.
    maria

  4. salve,ho un contratto a tempo indeterminato da 3 mesi circa.appena saputo di essere incinta sono stata indotta a dare le dimmisioni che non ho dato,ra sono in gravidanza a rischio, la mia domanda è: visto che con il mio dattore di lavoro non corre buon sangue da chi percepisco l’assegno di maternità???

  5. ciao,ma chi entra in maternità per minaccia d’aborto,i mesi sono compresi in quella obligatoria o sono in più?

  6. i mesi della gravidanza anticipata sono compresi nell’obligatoria o sono in più?

  7. nicole, i mesi dell’anticipata sono in più…fino al settimo mese…poi dal settimo mese (o meglio 2 mesi prima della dpp) entri in obbligatoria e dopo il parto hai altri 3 mesi

  8. Salve,
    sono incinta di 9 settimane…
    Tra un paio avrò la visita.
    Da quando hanno saputo che sono incinta
    i miei datori di lavoro hanno iniziato a trattarmi male …
    tra l’altro passo 8 ore seduta e a contatto con lamiere grezze che devo toccare.
    Ho i presupposti per andare in maternità anticipata?
    Grazie

  9. salve sono incinta dal 12 settemana il genecologo me ha datto certefacato di maternita a rischio io sono socia cooperateva ma no ho lavorato quasi 2 anni sono stata acasa perche non me hanno chiamano ni anche un giorno perche non ce il lavoro e non lo so si loro acettanno la mia domanda di maternita anticipata o no grazi prima per la resposta.

  10. Salve,sono incinta di nve settimane e mezzo,mi e stata riscontrata una gravidanza a rischio,dovrei andare prima in maternitá,il mio problema e ke non vorrei far sapere niente al datore di lavoro,esiste una privacy tra me l.inps e il datore di lavoro?cioé potrei dire solo a lui ke sono in malattia invece all inps la veritá?

  11. Salve sono incinta di 6 settimane e sono un assistente domiciliare lavoro in una coopertava sociale e ho un contratto a progetto con durata di 3 mesi , ho piccoli problemi sulla gravidanza posso avere l astensione anticipata per rischio gravidanza?Grazie simona

  12. salve sono maria, sono incinta di 2 mesi e 2 settimane..e volevo viaggiare con l’aereo x andare in mio paese.. possibile fare questo e se anche sono già in maternità anticipata? grazie

  13. salve..!!ma la maternita anticipata come si calcola ???in base al contratto o alla ultima busta paga????grazie

Rispondi