Iter burocratico per la costituzione di piccola società cooperativa.

di Luca Bruno Commenta

L'iter burocratico che deve seguire chi intende costituire una piccola impresa cooperativa è identico a quello che segue la cooperativa tradizionale.

coop

L’iter burocratico che deve seguire chi intende costituire una piccola impresa cooperativa è identico a quello che segue la cooperativa tradizionale.
Ecco in breve i passaggi che comportano l’apertura dell’attività cooperativa:
* I soci, riuniti in assemblea stilano lo statuto che determina la struttura della cooperativa, il funzionamento della stessa ed i rapporti che intercorrono tra i soci.
* Si stipula quindi l’atto costitutivo, con l’indicazione del tipo di responsabilità societaria, le regole per l’accesso dei soci e della loro recessione e la destinazione degli utili. Tale atto deve essere autenticato da un notaio, il quale lo renderà in questo modo un atto pubblico valido.

* Se all’atto della costituzione della cooperativa qualcuno tra i soci investe beni mobili o immobili, essi devono essere valutati da un esperto che ne determina il valore.

* Tale relazione deve essere accompagnata all’atto costitutivo ed allo statuto, che, una volta redatti devono essere presentati entro 30 giorni al registro delle imprese della Camera di Commercio.

* E’ necessaria inoltre l’omologazione dell’atto costitutivo da parte del tribunale, procedura necessaria affinchè vengano verificate la finalità mutualistica, i requisiti dei soci e la validità dei documenti presentati. Dopo l’iscrizione al registro delle imprese la cooperativa avrà finalmente la sua personalità giuridica.

* Un ulteriore passaggio è la pubblicazione dell’atto costitutivo nel Bollettino Ufficiale delle società Cooperative (BUSC), dove dovranno poi essere pubblicati anche il bilancio di esercizio, eventuali modifiche all’atto costitutive e l’eventuale scioglimento della società cooperativa.

* Al registro delle imprese dovranno poi essere depositati anche l’avvenuta accettazione della carica da parte degli amministratori e del collegio sindacale (nella piccola società cooperativa esso non è necessario entro determinati limiti di fatturato) corredata da firma autografa.

Una volta terminati questi passaggi ci sono ancora da espletare tutte le formalità burocratiche per quanto riguarda fisco, previdenza ed assicurazioni.

* Entro 30 giorni dalla costituzione della cooperativa bisogna richiedere il numero di Partita IVA all’apposito Ufficio IVA.

* Bisogna organizzare libri contabili e libri fiscali con apposita timbratura. Tale procedura viene eseguita presso il registro delle imprese, oppure dal notaio.

* Richiedere il Conto fiscale all’Esattoria, che deve essere collegato ad un conto bancario, che servirà per regolarizzare i pagamenti delle imposte.

* Iscrivere i soci all’INPS: alla Camera di Commercio si trovano gli elenchi nominativi esercenti attività.

* Se si dispone di lavoratori regolarmente assunti, essi devono essere obbligatoriamente iscritti, per l’assicurazione infortuni, negli appositi uffici INAIL.

L’iscrizione al Registro prefettizio delle cooperative e nello Schedario generale della cooperazione permetterà alla cooperativa di usufruire per legge (DPR 601/73) di eventuali sgravi fiscali.

Rispondi