Inail, dal 12 ottobre le nuove regole di comunicazione di infortunio

di Fabiana Commenta

Scattano dal 12 ottobre 2017 le nuove modalità di comunicazione all’Inail circa gli infortuni sul lavoro: la maggiore novità consiste nel fatto che sarà necessario comunicare anche gli infortuni di un solo giorno successivo a quello in cui si è verificato l’evento.

L’avvio del Sinp, il Sistema informativo nazionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro, era stato incluso nel decreto n. 183/2016 e volto a incrementare la sicurezza sul lavoro.

inail

Ma come funzionano le nuove comunicazioni? In sostanza il datore di lavoro dovrà comunicare all’Inail anche gli infortuni sul lavoro di durata di un solo giorno successivo a quello dell’evento e la comunicazione dovrà essere obbligatoriamente effettuata per tutti gli eventi che si verificano a partire dal 12 ottobre 2017. 

La novità riguarderà solo ed esclusivamente la comunicazione (anche a livello statistico): l’indennizzo in caso di infortuni viene invece previsto solo ed esclusivamente per prognosi superiori ai tre giorni.

La comunicazione Inail va effettuata entro 48 ore dalla ricezione del certificato medico, ma resteranno invariate le regole circa  l’erogazione dell’indennità Inail.

La nuova modalità per altro possiede una finalità esclusivamente finalità statistica e informativa. 

Ad essere interessati dalle novità in vigore dal 12 ottobre 2017 saranno tutti i datori di lavoro per eventi di infortuni in franchigia, ovvero non coperti da assicurazione Inail e che comportano prognosi e assenza dal luogo di lavoro per un numero di giorni compreso tra uno e tre successivi a quello dell’evento.

In caso di mancata comunicazione Inail di infortuni anche se di solo un giorno al datore di lavoro potrà essere comminata una sanzione che va da 548 euro a 1.972,80 euro, importo che sale ad un minimo di 1.096 ad un massimo di 4.932 euro per le comunicazioni di infortuni con prognosi superiore ai tre giorni e quindi coperti da assicurazione Inail.

In caso di infortunio sul lavoro o in itinere il lavoratore deve avvisare immediatamente il datore di lavoro: si può rivolgere al medico dell’azienda (se si trova sul posto di lavoro), può recarsi al  Pronto soccorso o recarsi dal suo medico.

Il medico che presta prima assistenza al lavoratore dovrà rilasciare obbligatoriamente il certificato al lavoratore che dovrà contenere la diagnosi e la prognosi e sarà il medico a trasmettere il certificato in via telematica all’Inail.

INFORTUNIO DEL LAVORATORE IN TRASFERTA

Il lavoratore dovrà comunicare al datore di lavoro il numero identificativo del certificato medico, la data di rilascio e i giorni di prognosi indicati.

Il datore di lavoro dovrà subito inoltrare denuncia o comunicazione di infortunio all’Inail entro 48 ore dalla data di ricezione del certificato medico anche per l’infortunio di un solo giorno.

La comunicazione dovrà essere effettuata in via telematica o con altri mezzi che possano confermarne l’invio.

 

photo credits | thinkstock

Rispondi