Donare un’ora di lavoro alle Onlus

di Giuseppe Commenta

In sostanza, la retribuzione corrispondente è donata alla Onlus mediante il datore di lavoro..

L’Agenzia delle Entrate ha emanato un documento di prassi (la risoluzione n. 441/2008) in cui spiega la complessa procedura da adottare perché una singola forma di liberalità sia riconosciuta fiscalmente. Si tratta della pratica, ormai frequente, con cui i lavoratori di una data azienda o di un intero comparto produttivo decidono di regalare una o più ore di lavoro ad una singola Onlus, solitamente in occasione di una precisa iniziativa benefica.

In sostanza, la retribuzione corrispondente è donata alla Onlus mediante il datore di lavoro.
La liberalità è assimilata a una normale operazione di beneficenza, e dunque consente la detrazione dall’IRPEF per il 19%, entro il limite di 2.065,83 euro. E tuttavia, per tale detrazione è richiesta una complessa procedura delineata dalla recente risoluzione, che consente di individuare con precisione l’entità delle somme devolute e i nominativi dei lavoratori partecipanti.

Innanzitutto, occorre che l’intera somma riferita a tutti i lavoratori aderenti sia devoluta dal datore di lavoro tramite bonifico bancario la cui causale dovrà descrivere il tipo di donazione effettuata, il numero complessivo degli aderenti e il mese di riferimento. Il datore dovrà poi redigere degli elenchi dettagliati di tutti i lavoratori aderenti e delle relative somme donate, distinguendo mese per mese.


Questi elenchi dovranno essere inviati in copia alla Onlus, i cui responsabili li restituiranno successivamente al datore corredati di un’apposita ricevuta in cui attestano che quanto dettagliato dall’impresa datore corrisponde al vero.


In ogni busta-paga occorrerà indicare in un campo apposito le quote di retribuzione maturate a favore del lavoratore e non pagate perché devolute alla Onlus.
Infine, ogni anno si rilascerà al lavoratore un’attestazione indicante le ritenute effettuate a titolo di donazione, corredata da una copia della ricevuta inviata dalla Onlus.

Rispondi