Lavoro a chiamata in crescita

di Giuseppe Aymerich Commenta

Il “lavoro intermittente” è il contratto con il quale il lavoratore si presenta sul luogo di lavoro solo quando il datore glielo richiede..

Il “lavoro intermittente”, o “lavoro a chiamata”, o “job-on-call” secondo l’originaria terminologia anglosassone, è il contratto con il quale il lavoratore si presenta sul luogo di lavoro solo quando il datore glielo richiede sulla base delle effettive esigenze aziendali, mantenendosi a disposizione (e percependo un’apposita indennità) per i periodi in cui rimane a casa ad attendere la fatidica chiamata.


Introdotta nel nostro ordinamento dalla legge Biagi (2003), soppresso dal governo Prodi-II (2006) e reintrodotto dal governo Berlusconi-IV (2008), codesta tipologia contrattuale è molto controversa: per alcuni è il simbolo supremo del precariato, per altri è la migliore opportunità riconosciuta alle imprese per affrontare i momenti di picco produttivo senza ricorrere a rapporti più impegnativi.

Comunque la si pensi, l’Istat ha recentemente diffuso una serie di statistiche sul ricorso delle aziende italiane al lavoro a chiamata, che, a quanto pare, piace sempre di più. Tale contratto, infatti, è via via più impiegato: è bene comunque ricordare che si tratta di uno strumento relativamente nuovo, per cui è del tutto naturale che più si inizia a conoscerlo e più lo si utilizza.


Se la crescita, dunque, è del tutto fisiologica, è molto difficile immaginare oggi quale sarà il livello più o meno fisso verso cui il lavoro intermittente tenderà a stabilizzarsi nel tempo.

In ogni caso, nel 2009 i contratti in corso di job-on-call sono stati mediamente 111.000, con il picco di 140.000 a dicembre; le aziende che vi hanno fatto ricorso sono state circa 88.000. Numeri importanti, destinati con tutta probabilità ad essere superati già nel 2010.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Rispondi