Congedo parentale

di Stefania Russo Commenta

Il congedo parentale è una forma di astensione facoltativa dall'attività lavorativa che spetta ad entrambi i genitori fino al compimento..

Il congedo parentale è una forma di astensione facoltativa dall’attività lavorativa che spetta ad entrambi i genitori fino al compimento degli otto anni di età del bambino.

Il congedo può essere fruito anche congiuntamente da entrambi i genitori, il padre può goderne anche durante il congedo di maternità, ossia durante l’astensione obbligatoria della donna dall’attività lavorativa.


Alla madre, in particolare, spetta un periodo massimo di sei mesi, frazionati o continuativi, di cui può usufruire a partire dalla fine del congedo obbligatorio fino al compimento degli otto anni di età del bambino, mentre al padre spettano 6 mesi, elevabili a sette nel caso in cui abbia fruito di almeno tre mesi di congedo.

Il periodo di congedo complessivo dei due genitori, tuttavia, non può superare i dieci mesi, elevabili a 11 mesi. In caso di genitore unico il limite massimo di durata del congedo parentale è di 10 mesi.

In relazione al trattamento economico, fino al compimento del terzo anno di età del bambino l’indennità economica è pari al 30% della retribuzione, mentre dai tre agli otto anni di vita del bambino l’indennità del 30% della retribuzione spetta solo se il reddito del singolo genitore che fruisce dell’astensione sia inferiore a 2,5 volte il trattamento minimo di pensione.

Rispondi