Compensi notarili sotto i minimi non lesivi della concorrenza

di Stefania Russo Commenta

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 9358 del 2013 ha affermato che il notaio, essendo un lavoratore autonomo...

notaio

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 9358 del 2013 ha affermato che il notaio, essendo un lavoratore autonomo, può richiedere ai suoi clienti un compenso inferiore rispetto ai minimi previsti, senza che questo suo comportamento venga considerato una violazione della concorrenza.

La Suprema Corte, dunque, con la suddetta sentenza ha ribaltato l’orientamento fino ad oggi considerato prevalente, secondo cui la riduzione sistemica dei compensi e dei diritti notarili deve essere considerata concorrenza illecita.


Secondo i giudici della Cassazione, infatti, tale orientamento non deve più essere considerato attuale dopo il decreto Bersani, soprattutto nell’ottica della tutela al cittadino, che deve poter valutare le diverse offerte presenti sul mercato ed essere libero di scegliere quella più consona alla sue esigenze. La libera concorrenza intesa in tal modo, ha spiegato la Cassazione, deve intendersi valida per tutte le professioni e quindi non può essere ridimensionata con specifico riferimento alla professione notarile.

A fronte di tale conclusione, dunque, la Corte di Cassazione ha rigettato la sentenza pronunciata dalla Corte d’Appello, che al contrario aveva giudicato valida la sanzione inflitta da collegio notarile in quanto a suo avviso il comportamento posto in essere dal notaio era addirittura da considerare una violazione dell’ordine pubblico economico in quanto riguarda prestazioni effettuare nell’ambito dell’esercizio di una funzione pubblica.

La Corte di Cassazione ha invece affermato che il notaio è a tutti gli effetti un lavoratore autonomo, con tutto ciò che ne consegue, pertanto è libero di stabilire il suo compenso, che come sottolineato dalla Suprema Corte rappresenta uno degli elementi più qualificanti dell’attività economica del professionista. Al contrario, quello che il notaio non può fare è svolgere gran parte dei suoi lavori fuori dallo studio.

Rispondi