Come diventare infermiere

di Stefania Russo Commenta

A poche settimane dal termine dell'esame di maturità sono migliaia gli studenti alle prese con la scelta del corso di laurea da intraprendere...

A poche settimane dal termine dell’esame di maturità sono migliaia gli studenti alle prese con la scelta del corso di laurea da intraprendere, una decisione non sempre facile in quanto occorre valutare non solo le proprie attitudini ma anche i possibili sbocchi lavorativi.

Se l’obiettivo è quello di iniziare a lavorare subito dopo aver terminato gli studi allora la migliore alternativa è quella di optare per il corso di laurea in Scienze Infermieristiche, una laurea triennale della Facoltà di Medicina e Chirurgia.


Stando alle ultime indagini, infatti, i laureati in Scienze Infermieristiche detengono il primato in termini percentuali di giovani che trovano lavoro più velocemente una volta terminati gli studi, basti pensare che il 93% di questi esercita la professione entro un anno dal conseguimento della laurea.

SCOPRI COME DIVENTARE MEDIATORE CIVILE

E’ bene però considerare che quello in Scienze Infermieristiche è un corso di laurea a numero chiuso, per cui è necessario affrontare un test di ammissione prima di potersi iscrivere. Si tratta di un test che generalmente viene affrontato a settembre, che verte su diverse materie (cultura generale, storia, chimica fisica) e che è rappresentato da quiz a risposta multipla.

SCOPRI QUALI SONO LE PROFESSIONI SENZA CRISI

Una volta terminato il corso di studi, per poter esercitare la professione basta effettuare l’iscrizione all’albo. Il tirocinio viene infatti svolto durante lo stesso corso di laurea, in modo tale da consentire allo studente di familiarizzare con la professione.

Il laureato in Scienze Infermieristiche iscritto all’albo può svolgere il proprio lavoro presso Aziende sanitarie locali, a cui si accede tramite concorso pubblico, presso case di cura e di riposo private oppure presso enti di ricerca o cliniche universitarie.

Rispondi