Calcolo tredicesima mensilità

di Stefania Russo Commenta

La maggior parte dei lavoratori dipendenti a dicembre percepirà oltre allo stipendio anche la tredicesima mensilità...

La maggior parte dei lavoratori dipendenti a dicembre percepirà oltre allo stipendio anche la tredicesima mensilità, che sarà corrisposta integralmente se il lavoratore ha lavorato durante tutto l’anno o parzialmente se ha lavorato presso l’attuale datore di lavoro per una sola parte dell’anno. Ad esempio, se il dipendente è stato assunto a luglio percepirà la tredicesima mensilità in misura proporzionale al periodo in cui ha effettivamente lavorato, quindi limitatamente alla quota maturata tra luglio e dicembre.

MATURAZIONE TREDICESIMA MENSILITÀ

Per quanto riguarda il calcolo della tredicesima, l’ammontare lordo è uguale a quello dello stipendio mensile lordo, tuttavia la somma netta che viene effettivamente corrisposta al lavoratore è inferiore rispetto a quella dello stipendio. Questo perché sulle mensilità normali l’ammontare della trattenuta Irpef è ridotta per via dell’applicazione delle detrazioni d’imposta, mentre sulla tredicesima mensilità non si applicano tali detrazioni e quindi la trattenuta Irpef risulta essere più elevata.

CALCOLO TREDICESIMA COLF O BADANTE

Dall’importo della tredicesima mensilità, proprio come avviene per lo stipendio, vengono detratti eventuali acconti Inail o Inps, i contributi sociali e le ritenute fiscali, inoltre salvo diversa previsione del Contratto Collettivo Nazionale di riferimento, la tredicesima concorre a definire l’importo del TFR da riconoscere al dipendente in caso di cessazione del rapporto di lavoro.

Per quanto riguarda i periodi da tenere in considerazione ai fini del calcolo della tredicesima spettante al dipendente, oltre a quelli effettivamente lavorati concorrono alla maturazione della tredicesima anche le assenze per: maternità, compreso l’eventuale periodo di astensione anticipata; congedo matrimoniale; ferie; festività; ex festività; riduzioni contrattuali dell’orario di lavoro e permessi retribuiti; malattia; infortunio; malattia professionale; cassa integrazione guadagni; riposi giornalieri per allattamento.

Rispondi