Calcolo quattordicesima mensilità

di Stefania Russo Commenta

Ai fini del calcolo della quattordicesima si considera un dodicesimo per ogni mese di servizio prestato nel periodo che va dal primo luglio dell’anno precedente...

La quattordicesima mensilità, proprio come la tredicesima mensilità, è una retribuzione che il lavoratore dipendente matura nel corso dei dodici mesi e percepisce una sola volta all’anno.

Trattandosi di un diritto riconosciuto al lavoratore non dalla legge ma da alcuni contratti collettivi nazionali, ne deriva che sono questi a determinare i tempi e le modalità di erogazione. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, la quattordicesima ha un ammontare uguale a uno stipendio mensile e viene erogata i primi giorni di luglio di ogni anno, in proporzione ai mesi effettivamente lavorati dal dipendente.

MATURAZIONE TREDICESIMA MENSILITÀ

Per quanto riguarda il calcolo, più nel dettaglio, si considera un dodicesimo per ogni mese di servizio prestato nel periodo che va dal primo luglio dell’anno precedente al 30 giugno dell’anno di erogazione. Si considera come mese intero lavorato ogni frazione di mese pari o superiore a 15 giorni.

CALCOLO TREDICESIMA MENSILITÀ

Per quanto riguarda gli elementi da prendere in considerazione ai fini del calcolo della quattordicesima, la maggior parte dei contratti collettivi prevede che debba essere tenuta in considerazione la paga base, l’indennità di contingenza, i terzi elementi nazionali o provinciali, eventuali scatti di anzianità e tutti gli altri elementi retributivi erogati con continuità.

Se il lavoratore dipendente non ha uno stipendio con una paga base fissa ma la sua retribuzione è basata in tutto o in parte su provvigioni o percentuali, la quattordicesima deve essere calcolata sulla base della media degli elementi fissi e variabili della retribuzione percepita nei 12 mesi precedenti la maturazione del diritto, a meno che il contratto di lavoro non preveda diversamente.

Rispondi