Bando Spinner 2013 per giovani disoccupati

di Lucia Guglielmi Commenta

Il Bando Spinner 2013 rivolge una particolare attenzione ai diplomati con esperienza lavorativa, ai dottori ed ai dottorandi di ricerca.

Ottenere finanziamenti per realizzare, presso imprese già esistenti, progetti di ricerca industriale, oppure percorsi innovativi in campo manageriale ed organizzativo. Ed in generale per sostenere a livello finanziario i giovani che puntano ad avviare una nuova impresa. Questo è quanto, tra l’altro, offre Spinner 2013, un Bando che nella Regione Emilia-Romagna è aperto a tutti coloro che sono domiciliati o residenti sul territorio regionale.

Il termine ultimo per la presentazione delle domande scade alle ore 13 dell’1 marzo del 2012; possono partecipare i residenti o i domiciliati nella Regione Emilia-Romagna che sono occupati, disoccupati o inoccupati. Al riguardo il Bando Spinner 2013 rivolge una particolare attenzione ai diplomati con esperienza lavorativa, ai dottori ed ai dottorandi di ricerca, nonché a coloro che sono laureati o che stanno per conseguire il titolo accademico.



INCENTIVI PMI PER INNOVAZIONE

Grazie alle risorse che, provenienti dal Fondo Sociale Europeo, sono state stanziate dall’Assessorato regionale al lavoro, alla formazione professionale, alla ricerca ed Università, con il Bando Spinner 2013 è possibile ottenere servizi ad alta specializzazione nel campo della consulenza e, tra l’altro, anche agevolazioni finanziarie che permettano di accrescere le competenze.

FINANZIAMENTI RETI DI IMPRESA PER LA RICERCA

Quella con scadenza l’1 marzo del 2012 è la quarta ed ultima sessione di Spinner 2013 dopo che il 15 dicembre scorso s’è chiusa la terza con oltre cinquanta idee innovative presentate da soggetti rispettanti i requisiti di accesso al Bando. Il numero maggiore di progetti, ben 21, è giunto dallo Spinner Point di Ferrara con a seguire Parma con 19 e poi Cesena e Bologna entrambe con 16.

Rispondi