Assegni familiari durante i congedi in caso di gestione separata

di Stefania Russo Commenta

L'Inps è intervenuta in tema di riconoscimento del diritto agli assegni familiari per gli iscritti alla gestione separata...

L’Inps è intervenuta in tema di riconoscimento del diritto agli assegni familiari per gli iscritti alla gestione separata durante i periodi di congedo per maternità o paternità e durante i periodi di congedo parentale coperti da contribuzione figurativa.

Al riguardo occorre premettere che con la circolare n. 137 del 21 dicembre 2007 è stato sancito in favore delle lavoratrici a progetto e categorie assimilate, nonché delle associate in partecipazione e delle libere professioniste iscritte alla gestione separata, il diritto alla contribuzione figurativa per i periodi di astensione dal lavoro per maternità ai fini del diritto alla pensione e della determinazione della relativa misura.


A seguito del riconoscimento di tale diritto, sono pervenute all’Inps domande per gli assegni familiari da parte degli iscritti alla gestione separata in relazione ai periodi sopra indicati. A fronte di tali richieste, l’Istituto previdenziale ha inviato un quesito al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, chiedendo appunto se la contribuzione figurativa riconosciuta durante il periodo di congedo parentale o di congedo per maternità/paternità potesse essere considerata utile, oltre che ai fini del diritto e della misura della pensione, anche ai fini dell’erogazione dell’assegno per il nucleo familiare.

La risposta del Ministero è stata affermativa, pertanto l’Inps ha provveduto ad emanare apposita circolare in cui ha precisato che il diritto agli assegni familiari spetta sia durante il periodo di congedo di maternità e paternità sia per i periodi di congedo parentale coperti da contribuzione figurativa.

Pertanto, l’Inps provvederà al pagamento degli assegni familiari anche in relazione a situazioni pregresse, nei limiti della prescrizione quinquennale.

Rispondi