Corsi Ifts per la specializzazione tecnica superiore

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Saranno all’incirca 500 le persone che, nella Regione Emilia-Romagna, potranno accedere ai corsi Ifts, ovverosia corsi di istruzione e di formazione tecnica superiore grazie ad uno stanziamento pari a complessivi 3 milioni di euro.

Saranno all’incirca 500 le persone che, nella Regione Emilia-Romagna, potranno accedere ai corsi Ifts, ovverosia ai corsi di istruzione e di formazione tecnica superiore grazie ad uno stanziamento pari a complessivi 3 milioni di euro. I fondi arrivano dal Programma Operativo del Fondo Sociale Europeo (Fse), e permetteranno di attivare ben 25 percorsi Ifts che partiranno nelle prossime settimane.

A darne notizia è stata l’Amministrazione regionale nel precisare come ogni percorso, articolato in due semestri, avrà una durata pari a ben ottocento ore, e come al termine del corso ad ogni partecipante sarà rilasciato l’apposito Certificato attestante la relativa specializzazione tecnica.



NOVITA’ STAGE E TIROCINI MANOVRA FINANZIARIA 2011

Possono accedere ai percorsi Ifts tutti coloro che, avendo conseguito il diploma di istruzione della scuola secondaria superiore, sono giovani o adulti, siano essi occupati oppure non occupati. Al termine del percorso di istruzione e di formazione il candidato sarà in grado di gestire quelli che sono presso le aziende i processi produttivi e quelli di natura organizzativa.

CONTABILITA’ D’IMPRESA: CORSO GRATUITO PER IMPARARE A GESTIRLA

Possono essere ammessi ai percorsi Ifts anche coloro che, pur non avendo conseguito il diploma di istruzione della scuola secondaria superiore, vantano nel proprio curriculum delle competenze che sono state acquisite attraverso opportuni percorsi di formazione, di istruzione e di lavoro. Così come possono presentare domanda anche coloro che, pur non essendo ancora diplomati, hanno comunque ottenuto l’ammissione al quinto anno dei percorsi di istruzione liceali. Ai fini della stesura della graduatoria, è previsto che la priorità venga assegnata a quei giovani che sono inoccupati o disoccupati.

Rispondi