Novità decreto semplificazioni 2012

di Vito Verna 1

Le principali novità, come ampiamente anticipato dai quotidiani nazionali nel corso della giornata odierna, dovrebbero riguardare sia l'istruzione che la sanità.

Dopo averne sporadicamente parlato su Impresa e Lavoro, così come su Politikos e su numerosi altri portali del nostro network, vorremmo oggi descrivervi le novità che il decreto Patroni Griffi sulle semplificazioni, congiuntamente al suo approdo in Parlamento (in particolare alla Camera dei Deputati) ed alla sua ben più che probabile approvazione mediante voto di fiducia al Governo Monti, dovrebbe introdurre nell’ordinamento italiano.

AGEVOLAZIONI FISCALI DECRETO SEMPLIFICAZIONI

Le principali novità, come ampiamente anticipato dai quotidiani nazionali nel corso della giornata odierna, dovrebbero riguardare sia l’istruzione che la sanità.

SINDACO O REVISORE UNICO DECRETO SEMPLIFICAZIONI

La prima, qualora dovessero effettivamente venir reperiti i necessari fondi economici, potrebbe riuscire a godere di un consistente ampliamento, stimato in poco meno di 10.000 nuove e fresche unità, degli organici oggi destinati all’organizzazione dei programmi scolastici relativi al sostegno ed al recupero di quegli studenti che dovessero necessitarne.

INTRODOTTE ALCUNE SEMPLIFICAZIONI FISCALI

La seconda, invece, vedrà l’introduzione, nel più breve tempo possibile ed a pieno regime, della tecnologia, nonché delle più moderne infrastrutture ed architetture elettroniche, allo scopo di rendere la sanità, ma soprattutto il rapporto tra la sanità pubblica e tutti i cittadini, veloce, cordiale, economico, efficiente, digitale.

Così come, completamente digitalizzato, diverrà il rapporto, quanto mai caotico e quanto mai burocratico, tra la Pubblica Amministrazione e gli utenti dei servizi pubblicamente offerti dallo Stato italiano che, a partire dal 2014, potranno inviare e ricevere qualsiasi tipo di comunicazione da e verso la PA in forma esclusivamente digitale.

Commenti (1)

  1. Interessante, ma ancora un pò nebuloso forse.

Rispondi