Sfida fra marche, vincono i brand storici

di Giuseppe Aymerich Commenta

La società di analisi Young & Rabicam svolge ogni anno un’analisi comparativa sulle vendite nei principali mercati mondiali..

La società di analisi Young & Rabicam svolge ogni anno un’analisi comparativa sulle vendite nei principali mercati mondiali: la comparazione avviene, per ogni ramo, fra i due marchi principali.

L’indagine non concerne solo le vendite ma anche la capacità del marchio di restare nell’immaginario delle persone e di mantenere la propria riconoscibilità. E in generale, la sfida pare premiare i nomi più consolidati, seppure con qualche sorpresa.


Vediamo dunque qualche risultato. La Coca-cola (stimato come il brand più importante al mondo, in termini di fatturato e di riconoscibilità) continua a prevalere sulla Pepsi ma non a livelli elevati come sarebbe facile pensare: se in Europa il dominio è netto, nei Paesi extraeuropei inclusi gli stessi USA vi è un sostanziale pareggio.

Abbastanza prevedibile anche il predominio di Mc Donald’s su Burger King e di Levi’s su Diesel.
Qualche annotazione più interessante arriva nel campo dei software, dove Microsoft supera Apple ma soprattutto per una precisa scelta di marketing da parte di quest’ultimo: Apple ha infatti scelto di focalizzarsi in un settore di mercato più alto, con prodotti di maggiore qualità e a maggior prezzo, lasciando campo libero a Microsoft presso la generalità degli utenti.

Analogamente, nel campo della fotografia Canon primeggia su Nikon, principalmente perché la prima si rivolge alle famiglie e la seconda ai professionisti.


Nelle calzature sportive, Adidas continua a superare Puma ma meno nettamente che in passato e con meno presa sulle nuove generazioni, mentre Nokia ha ormai scavalcato Samsung nel settore dei cellulari.
Da notare, infine, il distacco sempre più netto inflitto da Google a Yahoo!: il fatturato del primo supera quasi di quattro volte quello del secondo.

Rispondi