Lombardia e Veneto invase dalle ditte cinesi

di Giuseppe Aymerich Commenta

Le aree economiche più dinamiche del Paese sembrano davvero divenute una terra di conquista da parte degli immigrati cinesi..

Le aree economiche più dinamiche del Paese sembrano davvero divenute una terra di conquista da parte degli immigrati cinesi. È proprio in Lombardia e in Veneto che, infatti, si concentrano maggiormente le aziende fondate e condotte da persone con passaporto cinese: oltre diecimila in Lombardia, quasi seimila nel Veneto.

E valori non troppo minori, d’altronde, si registrano anche nelle altre Regioni settentrionali, per non parlare, ovviamente, del caso-limite di Prato, in Toscana, dove quasi la metà delle imprese è cinese.


Esiste però un’interessante differenza fra le due principali Regioni del Nord. In Lombardia, infatti, la gran parte delle ditte condotte da cinesi sono localizzate nel capoluogo, Milano, e concentrate per lo più in una stessa area, quella di Via Paolo Sarpi, la più famosa “chinatown” italiana. In Veneto, invece, gli imprenditori con gli occhi a mandorla sono sparpagliati capillarmente in tutto il territorio regionale, senza particolari preferenze, dalle città principali ai paesi minori.

Il primo ramo di attività è il commercio, soprattutto di abiti, calzature e alimentari, ma stanno facendosi largo anche le botteghe di estetisti e parrucchieri; e non mancano imprese edili o sugherifici, a riprova che l’antica immagine dei cinesi impegnati solamente nei loro ristoranti è ormai superata.
Un fenomeno nuovo e in ascesa, inoltre, è l’acquisto da parte dei cinesi di aziende italiane decadenti: gli asiatici comprano, ristrutturano e riescono a rilanciare perfino ditte che apparivano in crisi irreversibile.


Infine, va notato un ultimo e impressionante dato: a Milano sono nate oltre cento ditte cinesi negli ultimi due mesi, pari ad un quinto del totale registrato nel medesimo periodo. Numeri che dimostrano in maniera inequivocabile quanto l’Italia sia oggi un autentico Eldorado per gli immigrati cinesi, decisamente animati da un indomabile spirito imprenditoriale.

Rispondi