Cellulare e automobile i fringe benefit più diffusi

di Giuseppe Aymerich Commenta

Una ricerca condotta dalla società Od&M Consulting ha voluto verificare come e in che misura i fringe benefit siano...

auto

Una ricerca condotta dalla società Od&M Consulting ha voluto verificare come e in che misura i fringe benefit siano diffusi fra le imprese italiane in questi mesi di crisi.

I fringe benefit, è bene spiegarlo, sono quell’insieme di beni e servizi pagati dall’impresa ai propri dipendenti, come componenti della loro retribuzione accessorie rispetto allo stipendio.

Ebbene, se nel complesso rispetto al 2008 si nota una comprensibile riduzione di questo genere di spese, è anche vero che la ricerca ha messo in luce che in molte realtà si è preferito razionalizzare gli stessi più che eliminarli.


Sono quindi state radicalmente tagliate le stock options (ossia, i diritti di opzione su future emissioni azionarie) e in generale i benefit di natura finanziaria, mentre quelli più utili allo svolgimento quotidiano dell’attività lavorativa sono stati risparmiati, se non addirittura potenziati.

Via libera dunque ai cellulari aziendali, alle automobili da lasciare al dipendente anche per uso personale, ai buoni pasto, ai computer portatili.


La ricerca differenzia, tuttavia, la diffusione dei benefit fra piccole, medie e grandi imprese e fra impiegati, quadri e dirigenti. Com’era facile immaginare, alla crescita dimensionale dell’azienda e al salire nella scala gerarchica corrispondono benefit più sostanziosi: circa l’89,4% dei dirigenti delle grandi imprese dispone di telefonino aziendale, contro il 25,4% degli impiegati delle aziende minori.

Ma, oltre agli aspetti quantitativi, emergono alcune interessanti differenze anche in merito alla natura dei benefit concessi; se quelli già descritti sono i più comuni fra le imprese minori, in quelle principali cresce enormemente la diffusione di premi più complessi: asili-nido per i figli piccoli dei dipendenti, forme di previdenza integrativa gestita a livello aziendale, visite mediche, assistenza fiscale.

Rispondi