Incentivi assunzione giovani nella Regione Veneto

di Lucia Guglielmi Commenta

Un sussidio di 600 euro per 4 mesi, e l'opportunità di entrare nel mondo del lavoro dalla porta principale.

Sono circa 1.250 i tirocini che, in base alle stime, potranno essere attivati nella Regione Veneto, a favore dei giovani, grazie all’azione di sistema denominata “Welfare to work”. A ricordarlo nella giornata di ieri è stata Elena Donazzan, Assessore all’Istruzione, alla Formazione e al Lavoro della Regione Veneto nel sottolineare come la misura preveda la concessione di incentivi al fine di poter inserire i giovani nel mondo del lavoro. Possono accedere ai contributi i giovani residenti nella Regione Veneto che, disoccupati, hanno un’età inferiore ai 30 anni e non percepiscono indennità o sussidi.

La misura prevede la concessione di un sostegno al reddito pari a 2.400 euro complessivi, corrispondenti a 600 euro almese per 4 mesi a fronte della presentazione e della sottoscrizione di un apposito patto di servizio, entro e non oltre il 31 dicembre del 2012, presso i Centri per l’Impiego.



NOVITA’ APPRENDISTATO 2012

Nella Regione Veneto la misura è stata attivata il 9 novembre scorso grazie ad un Decreto che ha fatto seguito ad un accordo che, attraverso l’assistenza tecnica a cura di Italia Lavoro, è stato sottoscritto sul territorio regionale dalle Province di Belluno, Venezia, Padova, Verona, Rovigo, Vicenza e Treviso. “Welfare to work” mira così da un lato a dare sostegno al reddito ai giovani disoccupati, e dall’altro ad incentivare sul territorio della Regione Veneto le politiche per il reimpiego attraverso misure ed azioni di accompagnamento al lavoro.

AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE CONTRATTI DI INSERIMENTO

Questo perché i giovani potranno così entrare nelle imprese dalla porta principale, e potranno essere “provati” dall’azienda nel corso del rapporto di lavoro; il tutto chiaramente con il fine per cui dal periodo di tirocinio si possa passare alla stipula di un contratto di lavoro vero e proprio, magari a tempo indeterminato.

Rispondi