Bando ricerca industriale nel Sud

di Giuseppe Aymerich Commenta

Il ministero dell’Università ha bandito una gara per l’assegnazione di 465 milioni di euro di derivazione comunitaria per sostenere la ricerca industriale..

Il ministero dell’Università ha bandito una gara per l’assegnazione di 465 milioni di euro di derivazione comunitaria per sostenere la ricerca industriale e lo sviluppo della competitività nelle quattro Regioni meridionali più disagiate: Campania, Puglia, Calabria e Sicilia (per i cui progetti spettano rispettivamente 145, 150, 80 e 90 milioni).

Possono partecipare al bando le aziende di ogni dimensione, incluse le imprese artigiane, oltre ai parchi tecnologici e ai centri di ricerca, purché la relativa sede principale sia situata (o ci si impegni a trasferirla in tempi rapidi) nelle terre interessate.


È ammesso presentare progetti in comune con le università, ma queste ultime dovranno comunque sostenere il semplice ruolo di partner rispetto alle aziende partecipanti al bando.
È stato anche chiarito che nella ripartizione dei fondi saranno favoriti i progetti che integrano aziende medio-piccole con le grandi, purché alle PMI spetti almeno il 35% delle attività complessive (calcolate sulla base dei costi).
Un altro criterio importante prevede un occhio di riguardo dei progetti che vadano oltre i ristretti confini regionali e prevedano che parte delle attività si svolgano anche fuori dalle quattro Regioni interessate (in Italia o all’estero), purché la quota delle attività delocalizzate non superi il 25% del totale.


Per partecipare al bando occorre inviare un’istanza di partecipazione dal 10 febbraio al 9 aprile presso il sito http://roma.cilea.it/Sirio in cui è anche possibile trovare informazioni relativamente alle nove aree di ricerca industriale per le quali è ammesso presentare i progetti.
Va segnalato, infine, che i progetti possono prevedere anche una fase di sviluppo, che comunque non deve essere preponderante rispetto alla ricerca pura, e che possono ricomprendere anche attività di formazione per tecnici e ricercatori.

Rispondi