Bando premi di laurea per innovazione progettuale

di Lucia Guglielmi Commenta

Nel Bando si chiede di affrontare ambiti che spaziano dalla progettazione partecipata all'architettura sostenibile e passando per l'innovazione progettuale.

Scadono il 31 gennaio del 2012, nella Regione Sardegna, i termini per la partecipazione ad un Bando che assegna alle migliori tesi numero otto premi di laurea aventi un controvalore pari a 500 euro ciascuno.

A darne notizia è il sito Internet dell’Amministrazione regionale nel precisare che trattasi di “Università, città, casa“, un premio per quelle tesi di laurea che riguardano il tema della residenzialità universitaria presso i centri storici, ed in particolare quelli di Cagliari, Sassari ed Alghero.



FINANZIAMENTI MASTER AND BACK RADDOPPIANO

Il Bando chiede di affrontare ambiti che spaziano dalla progettazione partecipata all’architettura sostenibile e passando per l’innovazione progettuale. “Università, città, casa” è promosso dalla Regione Sardegna, e nello specifico dalla Direzione Generale dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione, avvalendosi della collaborazione della Facoltà di Architettura di Cagliari, dell’Associazione Carta Giovani, e della Facoltà di Architettura di Alghero. Sono ammessi a partecipare al Bando “Università, città, casa” per otto premi alle migliori tesi i giovani sardi che, all’atto della presentazione della domanda, non hanno ancora compiuto 30 anni.

BANDO SPINNER 2013 PER GIOVANI DISOCCUPATI

Inoltre, occorre essere laureati o laureandi prevedendo di ottenere il titolo accademico non oltre il 3 agosto del 2012; oppure studenti iscritti presso le Facoltà di Architettura di Alghero o Cagliari, o a Cagliari presso la Facoltà di Ingegneria. Ed in ogni caso occorre essere soci di Carta Giovani e, quindi, in possesso della relativa tessera che si può ritirare gratuitamente presso il Comune di appartenenza. Sul sito Internet della Regione Sardegna, e su quelli di SardegnaGioventù e Cartagiovani è possibile visionare e scaricare il Bando e la modulistica.

Rispondi