Terre in affitto dallo Stato a giovani agricoltori

di Giuseppe Aymerich 1

Secondo le più recenti stime, lo Stato italiano possiede fra centotrentamila e centoquarantamila ettari di terreno agricolo..

terre agricole

Secondo le più recenti stime, lo Stato italiano possiede fra centotrentamila e centoquarantamila ettari di terreno agricolo praticamente abbandonati a sé stessi.

Questo mentre l’ambito produttivo agricolo, in Italia come d’altronde in gran parte d’Europa, soffre l’invecchiamento progressivo dei titolari di imprese del settore: secondo le associazioni imprenditoriali di categoria, gli agricoltori ultrasessantacinquenni sono in numero complessivo circa dieci volte superiore rispetto ai loro colleghi sotto i trentacinque anni, un valore enorme e molto preoccupante.


Si calcola, inoltre, che la crisi del settore abbia portato le terre coltivate nel nostro Paese a diminuire di quasi tre milioni di ettari negli ultimi vent’anni.

Per rivitalizzare il settore e spingere molti giovani disoccupati a rimboccarsi le maniche e lavorare la terra, la manovra estiva (articolo 4-quinquies della legge 102/2009) ha incaricato diversi organi dello Stato affinché si mettano all’opera.


Entro il prossimo autunno l’Agenzia del Demanio eseguirà un censimento completo dei terreni in questione, mentre il ministero delle Politiche Agricole, di concerto col ministero dell’Economia, stabilirà le linee-guida per l’assegnazione delle concessioni in affitto.

Di sicuro ci saranno parecchie agevolazioni fiscali; i contratti di locazione saranno esenti da tutte le imposte indirette che di solito vi gravano pesantemente: imposta di registro, ipotecaria, catastale, di bollo e così via.

È poi probabile, ma va meglio definita la compatibilità con le leggi europee e il divieto degli aiuti di Stato, che saranno attribuiti ai giovani agricoltori dei contributi a fondo perduto per avviare l’attività.
Infine, nelle prossime settimane sarà avviata una campagna di persuasione verso tutti i governi regionali affinché, spulciando fra le loro proprietà terriere, individuino altre aree inutilizzate da coinvolgere in progetti di sviluppo analoghi.

Commenti (1)

  1. come faccio a saper la disponibilità in terreni della Regione Campania o dei Comuni della Provincia di Napoli e Caserta. e a chi fare la richiesta di tali terreni. grazie

Rispondi