Resto al Sud, domande al via dal 15 gennaio

di Fabiana Commenta

Al via dal 15 gennaio 2018 la presentazione delle domande a Invitalia per gli incentivi Resto al Sud confermati nella Legge di Bilancio 2018. 

Si tratta di finanziamenti pari a un massimo di 40mila euro con quota del 35% a fondo perduto e prestito restante a tasso zero: l’incentivo viene riservato solo ed esclusivamente ai giovani under 35 (escluse quindi le imprese e i professionisti) che vogliano avviare, o abbiano già avviato, un’attività imprenditoriale nelle regioni del Mezzogiorno.

bonus, resto al sud, obbligo di preventivo, bando, emilia romagna , liberi professionisti, bonus campania

Col bonus Resto al Sud possono essere riconosciuti sino a 40mila euro per singolo richiedente, ma se l’impresa è costituita in forma di società, l’importo di 40mila euro può essere riferito al singolo socio e possono essere richiesti sino a 200mila euro.

In ogni caso il bonus sarà suddiviso: per il 35% sotto forma di contributo a fondo perduto e il per 65% sotto forma di prestito a tasso zero, da rimborsare in 8 anni.

Per poter richiedere il Bonus i giovani dovranno rispettare una serie di requisiti: è necessario avere un’età che non superi i 35 anni, essere residenti (o aver trasferito la residenza entro 60 giorni dalla domanda) nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

I richiedenti non devono essere già beneficiari, nell’ultimo triennio, di ulteriori misure  a livello nazionale a favore dell’autoimprenditorialità.

Il bonus può finanziare una serie di attività esercitate sotto forma di impresa individuale o società:

produzione di beni nei settori dell’artigianato e dell’industria o fornitura di servizi mentre restano escluse

dalle attività finanziabili  le attività libero professionali e commerciali eccezion fatta per la vendita dei beni prodotti nell’attività d’impresa.

Col bonus Resto al Sud possono essere riconosciuti sino a 40mila euro per singolo richiedente.

Se l’impresa deve essere costituita in forma di società, l’importo di 40mila euro si riferisce al singolo socio e possono essere richiesti sino a 200mila euro.

Il bonus è così suddiviso:

35% sotto forma di contributo a fondo perduto;

65% sotto forma di prestito a tasso zero, da rimborsare in 8 anni.

Domanda bonus Resto al Sud

Le domande di finanziamento potranno essere inviate all’agenzia Invitalia una volta che sarà emanata la normativa attuativa.

BONUS RESTO AL SUD, COME PRESENTARE LA DOMANDA

photo credits | think stock

Rispondi