Piccolo Prestito

di Francesco Di Cataldo Commenta

Se il contratto è troppo articolato o non si capiscono tutti i punti elencati, è possibile chiedere aiuto alle associazioni..

Chi è abituato a vedere la televisione al mattino si sarà reso conto del bombardamento di pubblicità riguardante il prestito personale e piccoli finanziamenti.

ImpresaLavoro.eu per l’occasione ha creato una guida per capire meglio quali sono le regole per un prestito personale e per un finanziamento.




La guida sul piccolo prestito a nostro avviso è utile per non farsi ingannare dalle agenzie di finanziamento.

Il Ministero dell’Economia ogni trimestre aggiorna quelli che sono i tassi di soglia massimi applicabili per i prestiti e i finanziamenti per non incappare in tassi di usura.

I tassi di soglia massimi sono diversi a seconda del tipo di prestito e dell’ammontare della somma dello stesso. Quando un consumatore desidera ottenere un finanziamento deve stare molto attento al TAEG (asso annuo effettivo globale) che deve includere tutte le spese che il cliente deve pagare comprese le spese di apertura della pratica.

Per fare un esempio pratico, un prestito personale fino a 5000 euro non deve avere un TAEG superiore al 26,355%, in caso contrario la richiesta di credito viene considerata usura.

Per la stessa tipologia di credito, oltre i 5000 euro il TAEG non deve superare il 19,080%.

Per un finanziamento a imprese oltre i 5000 euro erogato da una banca, il tasso di soglia massimo non deve in nessun caso superare il 9,255%.

Per avere in dettaglio le percentuali dei vari tassi di interesse suddivisi per categoria, consiglio di scaricare questa tabella.

Con tassi di questo livello, valutando molte proposte presenti in rete, per un prestito personale un consumatore che richiede un credito di 5000 euro pagherebbe circa 3000 euro di interessi, superiore quindi alla soglia massima, ed è per questo che ci chiediamo come questo possa essere possibile.

Prima di richiedere un prestito, la cosa migliore quindi è quella di valutare tante proposte e leggere attentamente tutti i punti del contratto oltre che il TAEG e il TAN e provare a moltiplicare il numero delle rate per il premio da versare in modo da capire se il TAEG è reale e se ci sono altre spese aggiuntive di apertuta pratica.

Se il contratto è troppo articolato o non si capiscono tutti i punti elencati, è possibile chiedere aiuto alle associazioni consumatori o nel nostro forum, saremo lieti di aiutarti.

Rispondi