Finanziamenti precari scuola nella Regione Piemonte

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Su un totale di 577 posti protetti dall’accordo, ben 214 sono rappresentati dagli insegnanti di sostegno.

Nella Regione Piemonte quasi 600 persone che lavorano nel settore della scuola, e che sono dei precari, potranno salvare il proprio posto di lavoro grazie ad un accordo che nei giorni scorsi, a valere su fondi regionali, ha firmato Francesco Profumo, il Ministro all’Istruzione.

A darne notizia è stata l’Amministrazione regionale nel precisare come, su un totale di 577 posti protetti dall’accordo, ben 214 siano rappresentati dagli insegnanti di sostegno; inoltre, ci sono 135 insegnanti che opereranno a garanzia nelle scuole piemontesi del tempo pieno, ma anche gli assistenti tecnici, i collaboratori scolastici, gli assistenti amministrativi ed una trentina di insegnanti che permetteranno di andare a sdoppiare quelle che sono le classi più numerose.




ASSUNZIONE DOCENTI E PERSONALE ATA IN PIEMONTE

A livello finanziario, lo sforzo della Regione Piemonte per l’accordo denominato salva-precari è pari a complessivi dieci milioni di euro a valere sull’anno scolastico in corso, quello 2011-2012; nei fondi, in accordo con una nota ufficiale emessa dall’Amministrazione regionale attraverso il sito Internet ufficiale, sono compresi anche 1,5 milioni di euro finalizzati a sostenere il personale che, lavorando in ambito scolastico, è riferibile però alle cooperative sociali.

CONCORSI PER INSEGNANTI

Riguardo ai lavoratori precari che potranno continuare a fare gli insegnanti, sarà data priorità, con una quota pari al 90%, a coloro che hanno lavorato nella Regione Piemonte negli ultimi tre anni. A tal fine si attingerà dalle graduatorie ad esaurimento, mentre per la quota rimanente pari al 10% si farà riferimento alle graduatorie del ministero che sono state introdotte nello scorso mese di giugno del 2011.

Rispondi