Finanziamenti consorzi fidi per copertura fondo rischi

di Filadelfo Scamporrino Commenta

A disposizione 2 milioni di euro con domande da presentare entro e non oltre il 19 dicembre del 2011.

Al fine di rendere più robusti a livello finanziario, nella Regione Sardegna, i consorzi di garanzia collettiva fidi, l’Amministrazione regionale ha annunciato lo stanziamento ad hoc di contributi che andranno ad alimentare il cosiddetto fondo rischi. I consorzi fidi che potranno presentare le domande di accesso ai contributi sono in particolare quelli del commercio con il fine di concedere fideiussioni a valere sull’accesso al credito delle PMI del comparto che hanno la sede legale sul territorio regionale.

Al riguardo, in accordo con quanto reso noto dall’Assessorato al turismo, all’artigianato ed al commercio della Regione Sardegna, è stato già pubblicato un apposito Avviso pubblico grazie al quale sarà possibile richiedere i contributi entro e non oltre la data del 19 dicembre del 2011.



FONDO DI GARANZIA PMI NELLA REGIONE SARDEGNA

I consorzi di garanzia collettiva fidi che presentano la domanda devono rispettare tutta una serie di requisiti; innanzitutto non devono avere fini di lucro e, almeno per il 70%, escludendo le società in forma cooperativa, devono essere costituiti da piccole e medie imprese del settore del commercio.

INCENTIVI IMPRESE COMMERCIALI NELLA REGIONE SARDEGNA

Inoltre, i consorzi di garanzia collettiva fidi che presentano la domanda devono avere almeno una sede operativa nella Regione Sardegna, devono essere iscritti negli appositi elenchi degli intermediari finanziari, ed al 31 dicembre del 2010, già vigenti, registravano una quota degli affidi a favore delle imprese del commercio pari ad almeno il 60%.

Sul sito Internet della Regione Sardegna, www.regione.sardegna.it, è possibile consultare sia l’Avviso pubblico, sia tutta la documentazione compreso il modulo di domanda da scaricare, compilare, sottoscrivere ed inviare al numero 105 di via Trieste in Cagliari dove si trova l’Assessorato del Turismo, all’artigianato ed al commercio della Regione Sardegna.

Rispondi