Finanziamenti agevolati PMI Fondo Jeremie

di Filadelfo Scamporrino Commenta

In questo modo le piccole e medie imprese, facendo leva ed affidamento sui fondi strutturali europei, possono accedere al credito agevolato e finanziare gli investimenti per crescere.

Finanziamenti per complessivi 156 milioni di euro a fronte di scadenze e tassi di interesse applicati che risultano essere particolarmente favorevoli. Tutto ciò, in particolare, attraverso il cosiddetto Programma Jeremie, che sta per Joint European Resources for Micro to Medium Enterprises, e che è stato affidato dalla FEI, appartenente al gruppo della BEI, la Banca Europea per gli Investimenti, per le piccole e medie imprese della Regione Campania, alla joint venture UniCredit-MCC.

Grazie al Programma Jeremie ogni impresa può richiedere finanziamenti agevolati fino ad un massimo di 500 mila euro a fronte di un piano di ammortamento che può durare fino a ben otto anni.



FINANZIAMENTI EUROPEI PER AVVIARE L’IMPRESA

I settori economici in cui la PMI richiedente deve operare, per ottenere i finanziamenti, sono quelli a maggior carattere innovativo e tecnologico, a partire dal settore aerospaziale e passando per le tecnologie informatiche, le energie rinnovabili, le biotecnologie ed il risparmio energetico; ma sono ammesse anche richieste da parte di piccole e medie imprese operanti in settori dell’economia quale quello agro alimentare.

IMPRESE AFFAMATE DI SCONTI E CONVENZIONI

In questo modo le piccole e medie imprese, facendo leva ed affidamento sui fondi strutturali europei, possono accedere al credito agevolato e finanziare gli investimenti per crescere e per incrementare il proprio livello di innovazione e di competitività sui mercati di riferimento. Oltre che in Italia, i Fondi European Resources for Micro to Medium Enterprises sono attualmente attivi anche in altri dieci Paesi dell’Unione Europea a favore delle piccole e medie imprese.

Rispondi