Contributi imprenditoria giovanile Regione Calabria

di Vito Verna Commenta

In particolar modo a beneficiare dei finanziamenti potranno essere, esclusivamente, le aziende di futura costituzione attive nei settori della manifattura, della fornitura di acqua, della gestione dei rifiuti e delle reti fognarie, del trasporto, del magazzinaggio, della ristorazione, dei servizi informatici, delle attività professionali, del turismo e delle attività artistiche.

Contributi imprenditoria giovanile Regione Calabria

Buone notizie per tutti i futuri imprenditori calabresi che, soprattutto se giovani ed intenzionati ad avviare una qualsiasi attività imprenditoriale (di qualunque natura e di qualunque grandezza essa sia), potranno contare sui sostanziosi finanziamenti messa disposizione, naturalmente mediante bando di concorso, direttamente dalla Regione Calabria.

INCENTIVI REGIONE LAZIO AUTO-IMPRENDITORIALITA’ E START-UP

L’iniziativa, sulla quale potrete sicuramente cercare e trovare più approfondite indicazioni sul sito ufficiale della Regione Calabria (raggiungibile all’indirizzo internet regione.calabria.it), sarà finalizzata alla copertura sia delle spese sostenute per la realizzazione del piano di investimenti produttivi sia di quelle sostenute per la realizzazione del piano integrato dei servizi reali.

CONTRIBUTI MICROIMPRESE REGIONE SICILIA

Attenzione, come sempre, ai particolari della proposta della Regione Calabria che, senza ulteriori approfondimenti, potrebbero sin d’ora scoraggiare chiunque abbia una valida idea costringendolo ad abbandonare il proprio progetto, e la valorizzazione del proprio territorio di appartenenza, forse per sempre e definitivamente.

INCENTIVI PMI CCIAA PISA

In particolar modo, rende dunque noto la Regione Calabria, a beneficiare dei finanziamenti, che verranno concessi esclusivamente in conto capitale, sino ad un massimo di 250.000 euro ed in riferimento ad un sostanzioso investimento iniziale di durata almeno triennale e di importo complessivo compreso tra i 30.000 ed i 500.000 euro, potranno essere, esclusivamente, le aziende di futura costituzione attive nei settori della manifattura, della fornitura di acqua, della gestione dei rifiuti e delle reti fognarie, del trasporto, del magazzinaggio, della ristorazione, dei servizi informatici, delle attività professionali, del turismo e delle attività artistiche.

Rispondi