Contributi fondo perduto per lo sviluppo rurale

di Lucia Guglielmi Commenta

Tra le misure previste ci sono anche quelle finalizzate all’alleggerimento della burocrazia.

Dal 2007 ad oggi in Sardegna l’Amministrazione regionale è riuscita, con la concessione di contributi, a finanziare sul territorio le azioni del PSR, il programma di Sviluppo Rurale 2007-2013, con risorse via via in crescita. Si è infatti passati dai 65 milioni di euro del 2007 ai 120 milioni di euro del 2010; e per l’anno in corso i fondi a disposizione sono balzati a 160 milioni di euro. A riportarlo è il sito Internet della Regione Sardegna che negli ultimi cinque mesi è riuscita centrare gli obiettivi a favore degli agricoltori e degli allevatori operanti sul territorio.

Nel corso di una conferenza, durante la quale l’Assessore Cherchi ed il Governatore Cappellacci hanno fatto il punto della situazione sul PSR 2007-2013 in Sardegna, è stato tra l’altro messo in risalto come tra le misure previste ci siano anche quelle finalizzate all’alleggerimento della burocrazia, ma anche ad assicurare il ricambio generazionale con un bando per contributi a fondo perduto fino a 35 mila euro per ogni giovane agricoltore.



CALCOLO DEL REDDITO CATASTALE PER LE SOCIETA’ AGRICOLE

Intanto nella giornata di ieri, martedì 27 dicembre del 2011, l’Urp della Presidenza della Regione Sardegna ha reso noto, sempre attraverso il proprio sito Internet, che è stata pubblicata la graduatoria provvisoria inerente una misura rientrante proprio nel PSR, Programma di sviluppo rurale.

AGRICOLTURA FRA CRISI E RIPRESA

Trattasi, nello specifico, della misura 215 recante “Pagamenti per il benessere degli animali”. Le risorse, in questo caso, vengono infatti stanziate per migliorare le condizioni degli allevamenti di ovini e di caprini da latte. La graduatoria ora sarà pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Sardegna; dopodiché, in base alla graduatoria provvisoria, da domani potranno essere presentati gli eventuali ricorsi.

Rispondi