Contributi a fondo perduto per occupazione nel turismo

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Trattasi di un plafond pari ad oltre 5,4 milioni di euro che rientra nell’ambito di un progetto più ampio a sostegno del lavoro, il Piano straordinario per l’occupazione.

Sono all’incirca 180 le persone che, per ben tre anni, potranno lavorare nel settore turistico, ed in particolare presso alcune imprese del comparto che operano nella Regione Piemonte. Questo dopo che l’Amministrazione ha alzato il velo sulla graduatoria relativa ai contributi a fondo perduto appositamente stanziati per quelle imprese del comparto turistico che assumono nuovi lavoratori.

In accordo con quanto riportato dal sito Internet della Regione Piemonte, trattasi dell’assegnazione di un plafond pari ad oltre 5,4 milioni di euro che rientra nell’ambito di un progetto più ampio a sostegno del lavoro, il Piano straordinario per l’occupazione in vigore già da diverso tempo.



FINANZIAMENTI PRECARI SCUOLA NELLA REGIONE PIEMONTE

Promossa nella Regione Piemonte dall’Assessorato al Turismo, la misura relativa ai contributi per l’occupazione del turismo interessa, considerando la graduatoria pubblicata, un totale di 31 aziende, diciotto delle quali in Provincia di Cuneo ed in Provincia di Torino, e 4 in Provincia di Alessandria.

ASSUNZIONE LAVORATORI IN MOBILITA’ NELLA REGIONE PIEMONTE

I fondi serviranno per investimenti nelle strutture ricettive al fine di migliorarle ed ammodernarle; il tutto a fronte di un ammontare dei contributi concessi che è proporzionale alle nuove assunzioni e/o alla stabilizzazione di contratti di lavoro preesistenti a tempo determinato.

TROVARE LAVORO NEL SETTORE TURISTICO

Nel dettaglio, ed a titolo di esempio, un’impresa turistica per ottenere un contributo pari a 45 mila euro ha dovuto assumere, o dovrà farlo entro un termine massimo di sei mesi, con un contratto a tempo indeterminato, un giovane lavoratore sotto i 35 anni oppure un lavoratore over 55.

Rispondi