Vinitaly 2010, tante speranze di crescita

di Giuseppe Aymerich Commenta

Giovedì 8 inizia a Verona la nuova edizione di Vinitaly, una delle principali manifestazioni fieristiche mondiali dedicate al comparto vitivinicolo..

Giovedì 8 inizia a Verona l’edizione Vinitaly 2010, una delle principali manifestazioni fieristiche mondiali dedicate al comparto vitivinicolo. E quest’anno la fiera avrà la possibilità di sfoderare un jolly enorme in termini di visibilità mediatica, la visita del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (prevista per venerdì).


Negli ultimi anni, il comparto del vino italiano (uno dei pilastri del nostro settore agroalimentare) si è via via sempre più imposto nei mercati internazionali infliggendo qualche punto di distacco rispetto ai nostri tradizionali competitori, i francesi, ma ha anche dovuto guardarsi dalla crescita delle quote di mercato controllate da avversari remoti, come i produttori cileni e australiani.

La crisi globale ha però colpito un po’ tutti, e l’edizione 2010 di Vinitaly si apre con le malcelate speranze di una rapida ripresa della corsa. Nel 2009 i consumi mondiali sono scesi mediamente del 2,8%, ma la crisi ha colpito principalmente il Vecchio Continente, da cui provengono di gran lunga le maggiori quantità di prodotto.

Anche l’Italia ha sofferto: i consumi interni sono scesi del 2,2% e le esportazioni del 4,3%. Altri settori dell’agroalimentare, in realtà, hanno patito maggiormente la crisi nell’anno passato, ma indubbiamente l’ambito vitivinicolo ha urgente bisogno di rimettersi in sesto.


In ogni caso, anche quest’anno i numeri della fiera sono confortanti. Gli espositori saranno circa quattromiladuecento, mentre i visitatori attesi in cinque giorni di manifestazione (la data di chiusura è lunedì 12) sono intorno ai centocinquantamila.

Fra i tantissimi eventi programmati, fra seminari e incontri, spiccano per peculiarità le cinquanta cerimonie di degustazione. Non va scordato, inoltre, che Vinitaly ospita al suo interno anche una sezione fieristica minore dedicata all’olio extravergine d’oliva.

Rispondi