Rimborsi fiscali a pioggia

di Giuseppe Aymerich Commenta

Negli ultimi anni il ministero delle Finanze si è impegnato a ridurre i tempi, una volta biblici, che i contribuenti italiani devono..

ministero-delle-finanze

Negli ultimi anni il ministero delle Finanze si è impegnato a ridurre i tempi, una volta biblici, che i contribuenti italiani devono attendere prima di vedersi restituire le somme richieste a rimborso.

In realtà non esistono particolari motivi tecnici per cui occorra aspettare tanto: semplicemente, i fondi a disposizione scarseggiano regolarmente.


Come accennato, però, da qualche anno si sta provvedendo a smaltire un po’ di arretrati; e qualche giorno fa, in particolare, l’Agenzia ha annunciato la distribuzione di circa novecentomila rimborsi, per un ammontare di circa seicento milioni di euro (la media è di 666 euro a testa per beneficiario).

In generale, si tratta quasi interamente di restituzioni di crediti IRPEF richiesti direttamente in dichiarazione dei redditi, fino al modello inviato nel 2007 e riferito al periodo d’imposta 2006 (al momento, l’ultimo che è stato liquidato definitivamente).


Le modalità di rimborso possibili sono tre. Coloro che hanno effettuato una comunicazione all’Agenzia delle Entrate con l’indicazione delle proprie coordinate bancarie (esiste un modulo apposito) si vedranno accreditare la somma direttamente sul conto corrente; e a questo proposito, l’Agenzia ha ricordato per l’ennesima volta che solo il modulo accennato ha valenza per questo fine. I contribuenti devono dunque diffidare di qualunque telefonata o e-mail in cui è richiesto di indicare le proprie coordinate.

Al di fuori di questa possibilità, i rimborsi di minore entità sono erogati inviando ai contribuenti una sorta di “buono” da presentare agli sportelli di qualunque ufficio postale, dove la somma verrà consegnata in contanti; per i rimborsi più cospicui, invece, arriverà un vaglia cambiario.

Si ricorda che la somma erogata corrisponde al credito vantato a suo tempo incrementato degli interessi legali maturati nel frattempo.

Rispondi