Viaggi e supermercati raccolgono il gradimento degli italiani

di Giuseppe Aymerich Commenta

La società di ricerche Busacca & associati in collaborazione con la Doxa ha diffuso la versione 2009 di un rapporto annuale..

carrelli-del-supermercato

La società di ricerche Busacca & associati in collaborazione con la Doxa ha diffuso la versione 2009 di un rapporto annuale stilato ormai da qualche anno: si tratta dell’indice ICSI (Italian Consumer Satisfaction Index) che si propone di misurare il grado di soddisfazione dei consumatori nei confronti del rapporto qualità/prezzo proprio dei servizi di cui fruiscono.


Nell’ambito dei settori economici, quello che sembra raccogliere la maggior parte delle soddisfazioni dei cittadini è dato dall’ambito dei viaggi, seguito dalla grande distribuzione e dai distributori di carburante; scarsa simpatia, invece, per le prestazioni offerte dalle banche e dai gestori di telefonia fissa.


Passando poi a considerare le singole marche, trionfa la catena di supermercati Esselunga, seguita dai colleghi della Conad, dal quotidiano Il Sole 24 Ore e dalla società assicurativa Aurora.

In coda alla classifica, invece, troviamo tutte le principali metropoli italiane, anch’esse coinvolte nella classifica, e il cui rapporto qualità/prezzo dei servizi offerti è sonoramente bocciato dai consumatori.

L’attenzione è stata rivolta a quattro ambiti di prestazioni: trasporti, polizia locale, viabilità e pulizia urbana.
Ultima, in particolare, risulta la città di Napoli, preceduta di poco da Roma, Milano e Torino. Scarsissima, comunque, anche la soddisfazione verso i servizi offerti dalle principali compagnie di trasporto pubblico: Trenitalia, Alitalia e Tirrenia.

Un’altra indagine interna a quella descritta ha poi analizzato gli effetti del passaparola: ossia la tendenza a consigliare ad amici, parenti e colleghi una data marca piuttosto che un’altra. Ebbene, sono ancora i viaggi, insieme ai supermercati e ai quotidiani ad essere i più consigliati. Primeggia la società aerea irlandese RyanAir (+45% rispetto all’analisi dell’anno precedente).

Rispondi