Solleciti di pagamento

di Giuseppe Aymerich Commenta

Emettere una fattura non significa incassarla immediatamente..

ingiunzione-di-pagamento

Emettere una fattura non significa incassarla immediatamente; essere dipendente non significa vedersi accreditato ogni mese puntualmente lo stipendio; affittare una casa non significa che l’inquilino versi sempre il canone.

La crisi attualmente in corso ha accentuato un fenomeno in realtà sempre esistito, e che presumibilmente sempre esisterà: quello dei debitori che, per un qualunque motivo, non pagano quanto dovuto.


Un ritardo di pochi giorni può essere considerato accettabile, ma un indugio che si protrae per settimane o per mesi può creare al creditore notevoli problemi di liquidità, costringendolo magari, a propria volta, a non pagare i propri creditori, in un perverso effetto-domino.
Una telefonata o una chiacchierata col debitore talvolta è sufficiente a risolvere il problema; ma non sempre le cose vanno così lisce, e a quel punto è bene che il creditore prenda le sue contromisure.


Mettere in campo l’avvocato e minacciare pignoramenti è un’azione lunga, costosa e non sempre fruttuosa, e che oltretutto mette fine ad ogni rapporto amichevole o contrattuale con la controparte. Una buona alternativa (che peraltro non esclude il successivo ricorso all’avvocato) può essere quella di inviare una lettera di sollecito pagamento. In questa lettera di sollecito, come è semplice intuire, si ricordano alla controparte i debiti ancora pendenti e si invita a saldarli entro una precisa scadenza. Può essere utile suggerire fra le righe il possibile ricorso alla via legale, ma lasciando intuire che una soluzione amichevole è comunque preferita nell’interesse di entrambi.

Il sollecito di pagamento, oltretutto, interrompe il rischio che il credito vada in prescrizione: per evitare contestazioni, però, è bene che ne resti traccia. Meglio quindi ricorrere alla raccomandata o alla posta elettronica certificata, mentre più a rischio di contestazioni sono il fax, la posta ordinaria o la comune e-mail e, soprattutto, la semplice consegna a mano.

Rispondi