UNICO 2010 inizia il cammino

di Giuseppe Aymerich Commenta

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la prima bozza di UNICO PF 2010: ossia, la dichiarazione dei redditi delle persone fisiche..

modello unico

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la prima bozza di UNICO PF 2010: ossia, la dichiarazione dei redditi delle persone fisiche. In contemporanea, ha pubblicato anche la bozza del modello 730 e la seconda bozza della dichiarazione IVA (con alcune correzioni e integrazioni rispetto alla prima versione).

Ma quel che rappresenta la vera novità è l’attivazione di un forum on line, direttamente sul sito istituzionale: i cittadini sono invitati ad inviare loro proposte e suggerimenti di natura tecnica per migliorare i modelli dichiarativi e renderli più fruibili e funzionali.


Comunque vada quest’interessante esperimento, osservando la prima bozza non si notano grandi rivoluzioni rispetto al modello dell’anno scorso: si tratta, in effetti, di un semplice aggiornamento con le ultime scelte legislative, ma senza grandi sconvolgimenti. Vediamo le novità principali.

Si nota, innanzitutto, la scomparsa dello spazio dedicato alla destinazione del cinque per mille, in quanto al momento la misura non è ancora stata confermata, ma non ci sono molti dubbi che questo avverrà nelle prossime settimane.


Nel quadro RC debuttano gli spazi per le nuove riduzioni d’imposta a favore dei lavoratori del comparto della sicurezza, mentre nel quadro RP appare la detrazione quinquennale del 20% per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Il quadro RN contiene i righi dedicati al differimento del 20% dell’acconto di novembre e al suo eventuale utilizzo in compensazione nel modello F24.

Nel quadro CR è introdotta la nuova agevolazione, sotto forma di credito d’imposta, a favore dei cittadini abruzzesi per le spese di ristrutturazione per i fabbricati danneggiati dal recente sisma.
Nel terzo fascicolo, infine, i quadri dedicati al reddito d’impresa e di lavoro autonomo vedono i cambiamenti necessari per accogliere l’agevolazione “Tremonti-ter” e le modifiche in tema di deduzione delle spese di vitto e alloggio.

Rispondi