Ravvedimento operoso mancata registrazione contratto di locazione

di Stefania Russo Commenta

La legge prevede l'obbligo di registrazione dei contratti di affitto, fatta eccezione per il caso in cui questi abbiano...

La legge prevede l’obbligo di registrazione dei contratti di affitto, fatta eccezione per il caso in cui questi abbiano una durata inferiore a 30 giorni. La registrazione deve essere effettuata in via telematica oppure recandosi presso un ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate. In entrambi i casi deve essere effettuata entro 30 giorni dalla stipula.

In caso di omessa registrazione del contratto di locazione entro il termine previsto, onde evitare di dover sborsare sanzioni piuttosto salate o di essere obbligati ad abbassare il canone di locazione, è possibile regolarizzare la propria posizione ricorrendo al ravvedimento operoso.

SANZIONI OMESSA REGISTRAZIONE CONTRATTO DI LOCAZIONE

Il ravvedimento operoso consente infatti di sanare la propria posizione pagando una sanzione ridotta rispetto a quella che verrebbe applicata a seguito di contestazioni da parte dell’amministrazione tributaria.

Se si usufruisce di tale possibilità entro novanta dal termine di scadenza previsto per la registrazione del contratto, è necessario pagare l’imposta dovuta, gli interessi di mora e una sanzione ridotta pari al 12% dell’imposta dovuta, oltre che procedere alla registrazione dell’atto.

LETTERA DI MESSA IN MORA PER MANCATO PAGAMENTO AFFITTO

Se invece si usufruisce di tale possibilità entro entro un anno dal termine di scadenza previsto, è necessario versare l’imposta dovuta, gli interessi di mora e una sanzione ridotta pari al 15% dell’imposta dovuta, oltre che provvedere alla registrazione dell’atto.

Per poter ricorrere al ravvedimento operoso è però necessario che la violazione non sia già stata contestata dall’ufficio e che non siano già iniziati accessi, ispezioni e verifiche.

Rispondi