Prodotti da dichiarare in dogana

di Giuseppe Aymerich Commenta

Nel momento in cui un soggetto introduce beni sul territorio nazionale provenendo da Paesi extracomunitari, è tenuto a dichiararlo agli uffici periferici dell’Agenzia delle Dogane..

Nel momento in cui un soggetto introduce beni sul territorio nazionale provenendo da Paesi extracomunitari, è tenuto a dichiararlo agli uffici periferici dell’Agenzia delle Dogane: se si tratta di beni destinati alla rivendita, infatti, occorre pagare i relativi dazi e imposte varie, fra cui l’IVA.

Se invece si tratta di beni destinati al consumo personale o familiare non occorre dichiararli né pagare alcunché.


Ma quali sono i limiti di tale consumo privato?
È la legge stessa a fissare delle precise franchigie: se i beni introdotti non le superano, non esistono obblighi doganali particolari; se invece la soglia è superata, la dichiarazione doganale è obbligatoria e i tributi si pagano sul valore complessivo, senza alcuna esenzione.

Se però si importano beni di natura diversa il cui valore, sommato, supera la franchigia, godono fino a concorrenza della franchigia stessa quelle singole tipologie di beni che, prese singolarmente, non supererebbero la soglia.
Attualmente, la franchigia prevista per la generalità delle merci è pari a 175 euro (90 per i viaggiatori con meno di quindici anni).


Per alcuni beni, però, la soglia è calcolata per quantità e non per valore: per sigarette, cigarillos e sigari la franchigia è pari rispettivamente a duecento, cento e cinquanta pezzi, mentre per il tabacco da fumo il riferimento è 250 grammi; per i superalcolici la soglia è un litro, per vini e altri alcolici è di due litri; per profumi e eau de toilette si parla rispettivamente di cinquanta grammi e venticinque centilitri; per caffè e the, invece, la soglia è rispettivamente di cinque e di un ettogrammo, con valori ridotti del 60% per i relativi estratti.

Per chi ha meno di diciassette anni non esistono franchigie per gli alcolici; se gli anni sono meno di quindici, nemmeno per il caffè.

Rispondi