Compilazione del quadro A per comunicazione ‘black list’

di Giuseppe Aymerich Commenta

Il quadro A costituisce il cuore della comunicazione delle operazioni con i soggetti residenti nei Paesi “black list”..

Il quadro A costituisce il cuore della comunicazione delle operazioni con i soggetti residenti nei Paesi “black list”. Dopo aver compilato il frontespizio, ecco come compilare il resto.

Andranno compilati tanti moduli quanti sono i fornitori e clienti con cui abbiamo avuto a che fare nel periodo interessato. Se perciò abbiamo acquistato beni dal fornitore X e servizi dal fornitore Y mentre da Z abbiamo venduto beni e acquistato servizi, compileremo tre differenti moduli.


In pratica, dobbiamo dedicare un distinto modulo ad ogni singolo soggetto coinvolto; in esso indicheremo tutte le operazioni (acquisti e cessioni di beni e di servizi) intercorse nel periodo di riferimento.

Il quadro A è suddiviso in tre sezioni. Nella prima (“Dati anagrafici”) dovremo identificare la controparte: cognome e nome o denominazione sociale, data e luogo di nascita se persone fisiche, domicilio fiscale o sede legale (il territorio estero va identificato con un codice ricavato da una tabella inclusa nelle istruzioni), eventuali numero di partita IVA e codice fiscale se tale soggetto è identificato fiscalmente in Italia o nell’Unione Europea; facile immaginare le difficoltà che avranno i contribuenti italiani per procurarsi tutte queste informazioni.


La seconda sezione (“Operazioni attive”) è destinata a contenere le cessioni compiute dal contribuente nel periodo di riferimento. Occorre indicare separatamente gli importi totali delle operazioni imponibili ai fini IVA coi valori della relativa imposta, delle non imponibili, delle esenti e delle non soggette ad IVA, nonché delle note di variazione emesse su operazioni già comunicate nel corso dell’anno e di quelle emesse su operazioni di annualità precedenti; in tutti i riquadri bisogna distinguere fra cessioni di beni e prestazioni di servizi.

La terza sezione (“Operazioni passive”), infine, riproduce il medesimo contenuto della seconda, ma stavolta il riferimento è agli acquisti di beni e di servizi compiuti nel periodo.

Rispondi