Compilazione del libro cespiti

di Giuseppe Aymerich Commenta

Il registro dei cespiti ammortizzabili deve essere compilato secondo le consuete regole di ordinaria contabilità..

Il registro dei cespiti ammortizzabili deve essere compilato secondo le consuete regole di ordinaria contabilità (niente spazi in bianco, niente cancellature o che, perlomeno, lascino visibili le parole, niente interlinee o trasporti in margine) e ogni pagina dev’essere numerata. Non sono richieste bollatura e vidimazione.


Ad ogni pagina, in linea teorica, dovrebbe corrispondere un cespite differente. È però possibile (e nella prassi è sempre così) raggruppare in una stessa pagina i beni fra loro omogenei: quindi, quelli della stessa tipologia, con uguale aliquota di ammortamento, uguale detraibilità e uguale anno di acquisto (o, più esattamente, di entrata in funzione). Potremmo, per esempio, destinare una pagina a tutti gli arredi acquistati nel 2010 a piena detraibilità, una a quelli ad uso promiscuo e magari un’altra per quelli di valore unitario inferiore a € 516,46 cui volessimo applicare l’ammortamento integrale.

Tuttavia, ad ogni bene immobile o mobile registrato (autoveicoli, natanti ecc.) occorre dedicare una pagina esclusiva.

Per ogni acquisto indicheremo la data e informazioni sommarie sull’operazione (ad esempio, il numero di protocollo e il nome del fornitore), nonché il costo storico, includendo eventuali oneri accessori e l’IVA indetraibile. Quindi, a fine anno calcoleremo il totale dei costi dei beni acquistati per ciascuna pagina.
Il passo successivo sarà iscrivere, ad ogni 31 dicembre, le quote di ammortamento maturate, con indicazione dell’aliquota, dell’ammontare complessivo raggiunto dal fondo e del costo residuo ancora da ammortizzare.


In caso di cessione del bene, occorrerà dar conto della data, del numero di fattura e del cliente, nonché del corrispettivo e dell’eventuale plusvalenza o minusvalenza, o le indicazioni corrispondenti in caso di autoconsumo.

Qualora una pagina non sia sufficiente a contenere tutte le informazioni, si può proseguire nella prima pagina libera successiva, con appositi rimandi (“continua a pagina 66” oppure “da pagina 33”).

Rispondi