Alluvione nel Messinese, sospese imposte e contributi

di Giuseppe Aymerich Commenta

Lo scorso primo ottobre una violentissima perturbazione causò frane, allagamenti e, purtroppo, numerose vittime nella zona del Messinese..

Alluvione nel Messinese

Lo scorso primo ottobre una violentissima perturbazione causò frane, allagamenti e, purtroppo, numerose vittime nella zona del Messinese.

Come solitamente avviene in occasione di avvenimenti tragici di questo genere, il Governo ha sospeso la maggior parte degli obblighi di natura fiscale e previdenziale a carico dei contribuenti residenti nella zona colpita.


I contribuenti interessati dal provvedimento sono coloro che, alla data del primo ottobre 2009, risiedevano nei Comuni di Itala e Scaletta Zanclea, nonché in una decina di frazioni appartenenti al Comune di Messina e situate sul crinale montuoso o lungo la costa.

In un primo momento, la sospensione era stata fissata provvisoriamente fino al primo novembre, mentre la settimana scorsa sono stati stabiliti i termini presumibilmente definitivi: tutti gli obblighi fiscali sono sospesi fino al 31 maggio 2010, mentre per quelli previdenziali si arriva al 30 giugno.


I relativi versamenti sono quindi pagabili nel periodo successivo in rate mensili di pari importo, senza l’applicazione di interessi né di sanzioni. Le rate mensili previste saranno ventiquattro in merito ai versamenti fiscali e quarantotto per quelli previdenziali (INPS, INAIL ed enti analoghi).

Se i contribuenti avessero, tuttavia, già versato o provvederanno a versare le somme dovute senza avvalersi della sospensione, non sarà possibile richiederle indietro.

La sospensione dei termini, inoltre, è applicata ad ogni tipologia di prescrizione e decadenza dell’esercizio dei propri diritti fiscali (per esempio, per la presentazione delle richieste di rimborso).
Non tutti i versamenti, però, sono sospesi: tutti gli adempimenti del sostituto d’imposta, a partire dall’esecuzione e al successivo riversamento delle ritenute fiscali, sono mantenuti secondo lo scadenzario consueto.

Rispondi