Modulo ritenuta d’acconto

di Stefania Russo Commenta

In caso di prestazione occasionale e nei rapporti di lavoro parasubordinati la forma di pagamento più utilizzata è senza dubbio la ritenuta d'acconto...

In caso di prestazione occasionale e nei rapporti di lavoro parasubordinati la forma di pagamento più utilizzata è senza dubbio la ritenuta d’acconto, mediante la quale viene applicata sul compenso corrisposto a chi ha eseguito la prestazione lavorativa una trattenuta che viene versata all’erario dal sostituto d’imposta (ovvero dal soggetto che ha usufruito della prestazione lavorativa) mediante modello F24 entro il giorno 16 del mese successivo a quello del pagamento.


Lo stesso sostituto d’imposta, inoltre, entro la fine di febbraio di ogni anno deve consegnare al soggetto percipiente la certificazione delle ritenute d’acconto, ossia un documento che attesta tutti i pagamenti corrisposti nel corso dell’anno precedente e le trattenute effettuate. Di seguito un esempio di uno dei tanti moduli di ritenuta d’acconto.

FAC SIMILE MODULO RITENUTA D’ACCONTO

Dati sostituto d’imposta

Via

Cap Città

Codice fiscale

Partita Iva

RITENUTA D’ACCONTO N. … DEL ...

Si certifica di aver corrisposto la somma sotto indicata al/alla Sig./Sign.ra …. nato/a a … il … e residente a … in via … codice fiscale/partita Iva …, attuando una ritenuta del …% sulla parte imponibile che sarà/è stata versata al concessionario per la riscossione dei tributi di … in data …. .

Causale pagamento ….

Compenso € …

Iva 20% € …

Rimborso spese € …

Totale € …

Imponibile Irpef € …

Ritenuta d’acconto € …

Netto a pagare € …

Firma

Rispondi